Fotosintesi artificiale, un nuovo metodo per ripulire l’aria? [Video]

Ripulire l’aria utilizzando un metodo naturale.


Un metodo in un certo senso nato per caso quando un gruppo di ricercatori della Florida State University stavano cercando di ricreare in laboratorio il processo di fotosintesi però producendo energia ripulendo l’aria dall’anidride carbonica. L’interessante risultato è stato illustrato anche sul Journal of Materials chemistry e consiste nel provocare una reazione chimica in un materiale sintetico denominato MOF che trasforma l’anidride carbonica in nuovi materiali organici innocui.

Finora il lavoro degli studiosi era finalizzato alla ricerca di un materiale capace di raccogliere i colori della luce in modo da creare reazioni chimiche e trasformare l’anidride carbonica in carburante. Durante i testi sono stati analizzati diversi materiali, ma quelli capaci di assorbire la luce visibile erano rari e troppo costosi, come il platino o l’iridio hanno cosi utilizzato il titanio molto più comune e facile da trovare a cui sono state aggiunte molecole che funzionano da antenne raccogli-luce e che assorbono determinati colori, in questo caso il blu. Per testare la loro ipotesi hanno quindi assemblato un fotoreattore a luce led blu, simile ad un lettino solare: i risultati hanno dato esito positivo.

Inoltre potrebbero esesre realizzate anche tegole in grado di ripulire l’aria nei quartieri residenziali, producendo allo stesso tempo energia.  Uribe-Romo conclude: Perché questo avvenga ci vorrebbero una nuova tecnologia e le infrastrutture, ma può essere possibile.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.
loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.