Rassegna stampa dal mondo del 30 aprile

In primo piano le decisioni della May e il piano sul clima di Trump.

rassegna stampa

Theresa May

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Gran Bretagna. Poche ore dopo l’approvazione all’unanimità, da parte della Ue, delle linee guida per la trattativa sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea, il premier britannico, Theresa May, ha respinto alcune delle principali richieste Ue sulla Brexit, definendole solo posizioni negoziali dei 27. La May ha ribadito le sue priorità: libero mercato senza dazi, fine della giurisdizione delle Corti europee, fine della libera circolazione dei migranti.

Stati Uniti. Celebrando a Filadelfia i suoi primi 100 giorni da presidente americano, Donald Trump ha annunciato che presto prenderà “una grande decisione” sull’accordo sul clima firmato da Barack Obama, da cui potrebbe ritirarsi. Ovazioni durante il comizio quando è tornato ad attaccare i media, “una fabbrica di fake news”, e quando ha assicurato che il muro con il Messico si farà. “Terremo i terroristi islamici fuori dall’America”, ha promesso.

Italia. E’ scontro nel governo dopo le parole del procuratore di Catania Carmelo Zuccaro sui rapporti tra Ong e trafficanti di migranti. “Io gli do ragione al 100%”, dice il ministro degli Esteri Alfano. Ribatte Orlando, ministro della Giustizia: “Non si era accorto quand’era ministro dell’Interno?”. Il premier Gentiloni: “Ong preziose, ma la magistratura vada avanti”. Al pm arrivano invece critiche da Grasso: “Parla d’indagini fuori ordinamento”.

Londra. “Se non ci fossimo lasciati, forse Benedetta sarebbe ancora viva”. E’ disperato Lukas Hatarik, l’ex di Benedetta Podestà, la ragazza di 19 anni di Genova trovata morta a Londra nella casa in cui viveva.

Il giovane si dà la colpa “per quello che è successo”, scrive il “Giorno”, che racconta: “L’ho lasciata prima che partisse per l’Inghilterra perché ero geloso e non mi fidavo di lei. Abbiamo litigato più volte. Poi lei è partita per Londra e io sono andato in Germania. L’ho sentita un paio di mesi fa. Mi mancava. Ci ho pensato a tornare con lei, ma ormai era finita. Speravo anche di riuscire a farle una sorpresa a Londra e invece ho saputo che è morto. Adesso guardo le nostre foto insieme e mi viene da piangere”.

Svizzera. Un 40enne italiano è stato ucciso sabato sera a colpi d’arma da fuoco vicino a una club house a Sargans, nel canton San Gallo, in Svizzera. La polizia cantonale ha fatto sapere che poco dopo il presunto assassino, un 28enne italiano residente nella zona, si è costituito alle forze dell’ordine consegnando l’arma del delitto. Ancora ignoti, al momento, sia le generalità dei due sia il movente dell’omicidio.

Afghanistan. Il Pentagono ritiene che Abdul Hasib, considerato il capo dell’Isis in Afghanistan, possa essere stato ucciso durante una operazione nel quale sono morti anche due militari americani, probabilmente vittime di “fuoco amico”. Insieme ad Hasib sarebbero stati uccisi “diversi alti responsabili dell’Isis e di Khorassan, la sua filiale locale” e “sino a 35 militanti”.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.
loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.