Mancanza d’acqua e degradazione ecosistemi: le principali cause delle migrazioni per il clima

Tra le principali cause delle migrazioni di massa a causa del clima.

Wetlands International ha lanciato un rapporto con lo scopo di fare luce sulla relazione tra ecosistemi delle zone umide e migrazione umana involontaria nella regione africana del Sahel. Intitolato “ Water Shocks: Zone Umide e migrazione nel Sahel”, la pubblicazione esamina come la scarsa gestione dell’acqua conduca alla degradazione di ecosistemi e non è considerata come causa della migrazione umana, incluso l’Europa.

Spostamenti e conflitti sono comuni nel Sahel. Ad esempio, intorno al Lago Ciad, la rivolta di Boko Haram ha dislocato piu di 2.3 milioni di persone da metà 2013, di cui 1.3 milioni di bambini. Il bacino del Lago Ciad ha perso il 95% della sua superficie a causa dell’estrazione di acqua per irrigazione e i giovani di questa regione, non avendo opportunità, si uniscono a gruppi armati.

“Le organizzazioni umanitarie hanno bisogno di integrare il proprio lavoro con attori che si occupano di ambiente e sviluppo per trovare soluzioni durature. Abbiamo bisogno di comprendere meglio i complessi e multisfaccettati fattori della migrazione involontaria, dei conflitti sociali e della povertà, che possono avere radici nell’esaurimento delle risorse naturali”, ha concluso Juriaan Lahr, Capo delle Operazioni Internazioni presso la Croce Rossa Olandese.

L’Unione Europea sta finanziando con 80 milioni di euro un piano cinquennale per supportare la gestione dei rischi da disastri in Africa Sub-Sahariana. Entro il 2020 l’Unione Europea e il continente africano hanno pianificato di aumentare l’efficienza energetica e l’uso delle rinnovabili costruendo 10.000 MW di impianti idroelettrici.

acqua, ecosistemi, clima

Secondo le Nazioni Unite, ci sono 20 milioni di persone nel Sahel a rischio insicurezza alimentare, principalmente per carenza di acqua. Se i piani di sviluppo per la produzione di energia idroelettrica e per progetti di irrigazione non posizionano gli ecosistemi al centro di strategie di sviluppo nazionali e regionali, l’Europa e altre nazioni non riusciranno a raggiungere i loro obiettivi per uno sviluppo sostenibile.

“Portare avanti uno sviluppo inclusivo e sostenibile nel Sahel è una priorità urgente e globale. Questo potrà essere raggiunto solo attraverso un cambiamento dei tradizionali paradigmi di sviluppo e di schemi di infrastrutture (Hard) che rovinano l’idrologia naturale della regione.

Proteggere e risanare le risorse naturali di base è essenziale per aumentare la produttività di acqua e cibo e fornire strategie di sostentamento per resistere ai cambiamenti climatici. In questo contesto, le zone umide come pianure alluvionali e laghi sono disproporzionatamente importanti, specialmente per le persone più svantaggiate della regione”, ha detto Jane Madgwick, CEO di Wetlands International.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.
loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.