Rassegna stampa dal mondo del 19 giugno

In primo piano nuovo attacco terroristico a Londra.

rasegna-stampa

Londra Brexit

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Attacco terroristico a Londra.

Mali. E’ stato attaccato in Mali un residence turistico, molto popolare tra gli occidentali, alla periferia di Bamako, la capitale del Paese. L’assalto è stato compiuto da un gruppo jihadista. Il governo annuncia che è in corso un blitz ma ci sarebbero già delle vittime, almeno tre. I terroristi hanno anche preso degli ostaggi, la maggior parte dei quali liberati dalle teste di cuoio.

Bruxelles. Inizio ufficiale dei negoziati per il divorzio tra Unione europea e Gran Bretagna. A quello che viene definito “un appuntamento con la storia” si presenta però a Bruxelles un governo neanche nato ma che da più parti è dato come “già in agonia”. La premier Theresa May manda il suo ministro David Davis a fare la prima mossa col negoziatore francese Michel Barnier senza aver messo in cassaforte neppure il voto di fiducia.

Francia. Emmanuel Macron fa l’en plein: conquistato l’Eliseo porta a casa anche l’Assemblée Nationale, con una maggioranza di seggi che si attesta a 350 su 577, ben oltre i 289 necessari per portare avanti la sua agenda di riforme senza ostacoli: a En Marche! vanno 308 seggi, all’alleato MoDem, 42. Numeri comunque lontani dall’attesa valanga di voti. Battuti e divisi, i Republicains restano in piedi con 130 deputati. Decimati i socialisti; si dimette il segretario Cambadélis. Male il Front National, ma Marine Le Pen agguanta per la prima volta il seggio. Astensione record al il 57,32%.

Portogallo. Almeno 61persone sono morte a causa di un violento incendio boschivo nell’area di Pedrogao Grande, nel Portogallo centrale. Secondo le autorità, diverse vittime hanno perso la vita carbonizzate in auto, mentre altre sono decedute per aver inalato fumo. Ci sono anche 59 feriti, 5 in gravi condizioni, e due dispersi. Mobilitati quasi 700 vigili del fuoco. La polizia esclude il dolo: forse un fulmine alla base del rogo. Tre giorni di lutto nazionale.

Groenlandia. La costa occidentale della Groenlandia è stata devastata dallo tsunami, probabilmente dopo un terremoto di magnitudo 4. Il primo bilancio del maremoto è di almeno quattro dispersi. Moltissimi i danni agli edifici. In particolare, secondo quanto riferisce la Bbc online, le onde anomale hanno completamente distrutto molte case nel villaggio di Nuugaatsiag.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *