Rassegna stampa dal mondo del 26 luglio

In primo piano incendi in Francia, attacco hacker Unicredit, situazione migranti.

rassegna-stampa-notizie

Jean Claude Juncker

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo in breve.

UE. Il gruppo di contatto istituito dalla Commissione Ue, pronto a rispondere alle necessità operative dell’Italia durante il periodo estivo, è pronto anche a decidere misure per “assicurare procedure di rimpatrio più veloci, con l’impiego di 500 esperti dalle Guardie di frontiera Ue e fondi aggiuntivi per coprire i costi di nuove operazioni”. Lo ha scritto il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker in una lettera al premier Paolo Gentiloni.

Francia. Emergenza incendi.

[adsense]

Calais. Durante lo sgombero della “Giungla” e nel corso degli scontri ormai divenuti quasi quotidiani con le forze dell’ordine, la polizia francese ha utilizzato “gas al peperoncino contro i migranti, adulti e bambini, anche mentre dormono o comunque in situazioni in cui non rappresentano una minaccia”. A denunciarlo è un rapporto di Human Rights Watch. Secondo la Ong, ormai, l'”uso di sostanze chimiche da parte della polizia è quotidiano”.

Italia. UniCredit ha fatto sapere di essere stata il bersaglio di un attacco informatico. Gli hacker, a quanto pare, hanno avuto accesso ai dati di 400.000 clienti italiani ma, specifica la banca, solo relativamente a prestiti personali. Non sarebbero stati acquisiti dati per l’accesso ai conti o che permettano transazioni non autorizzate, mentre, secondo UniCredit, gli hacker potrebbero aver sottratto alcuni dati anagrafici e i codici Iban.

[adsense]

Libia. “Ci impegniamo a un cessate il fuoco e ad astenerci da ogni ricorso alla forza armata. L’unica lotta sarà quella al terrorismo”. E’ il contenuto della dichiarazione congiunta del presidente del Consiglio di Tripoli Fayez Sarraj e del comandante dell’Esercito nazionale libico Khalifa Haftar dopo l’incontro alle porte di Parigi. L’impegno del premier e del comandante riguarderà anche le elezioni sotto la supervisione Onu previste per la primavera 2018.

loading...
loading...
Blogger a tempo pieno. Appassionato di televisione con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre, prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.