Rassegna stampa dall’Italia del 17 novembre: morto Totò Riina

In primo piano che terrà banco per molto tempo è la morte del boss dei boss Riina.

rassegna-stampa-news-riina

La rassegna stampa delle notizie più importanti di oggi dall’Italia.

E’ morto alle 3.37 nel reparto detenuti dell’ospedale di Parma il boss Totò Riina. Giovedì aveva compiuto 87 anni. Operato due volte nelle scorse settimane, dopo l’ultimo intervento era entrato in coma. Riina, per gli inquirenti, nonostante la detenzione al 41 bis da 24 anni, era ancora il capo di Cosa nostra.

La morte di Riina “non è la fine della mafia siciliana, che resta un sistema criminale di grande pericolosità”, dice la presidente della commissione parlamentare Antimafia Rosy Bindi, definendo il capo di Cosa nostra “un uomo spietato”. Cordoglio viene espresso dall’ex guardasigilli Piero Fassino, che però precisa: “Restano le gravi responsabilità per gli atti compiuti”. La sorella del giudice ucciso Giovanni Falcone, Maria: “Non gioisco, ma non perdono”.


Avvio di seduta piatto per Piazza Affari. All'inizio delle contrattazioni alla Borsa di Milano, l'indice Ftse Mib segna infatti un -0,02% a 22.202 punti. Sulla stessa lunghezza d'onda anche gli altri principali listini europei: Francoforte +0,03%, Parigi -0,01% e Londra -0,2%.

L'aumento di capitale potrebbe saltare e con esso la possibilità di sopravvivenza di Banca Carige, istituto da 587 sportelli e oltre 1 milione di clienti. L'unica speranza al momento è che, al posto del consorzio di banche che ieri ha ritirato il proprio supporto, si faccia avanti il Tesoro per garantire l'annunciato e necessario aumento di capitale da 560 milioni di euro.

Con il nuovo bilancio Ue in vigore dal 2020, l'Italia rischia di perdere tra i 12 e i 42 miliardi di euro di fondi strutturali. E' quanto emerge dal documento di lavoro preparato dalla Commissione Ue in vista del confronto sul prossimo bilancio. Nella nota si delineano tre scenari: nel peggiore dei casi l'Italia potrebbe non ricevere più fondi legati alle politiche di coesione perdendo circa 42 miliardi di euro rispetto al periodo finanziario 2014-2020.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.