Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Intervista ai Gem Boy

Annunci

Demenziali? Divertenti? Seri? Se ne sono dette parecchie sul conto dei bolognesi Gem Boy. Mag-Music ha intervistato Carlo, il cantante della band, domandandogli delle novità sul percorso del gruppo.

– Sono passati molti anni dal vostro esordio “ufficioso” e da quello ufficiale. Siete passati dalle canzoni divertenti e parodistiche (“INTERNETtezza urbana” passando per “Sbollata”) fino a canzoni serie che però non rinunciano a essere umoristiche (il capolavoro “Ginecology” passando per “Fiches”). Come commentate questo cambiamento? E’ stato difficile trovare un equilibrio tra la voglia di divertire e la necessità di “essere professionali”?

– E’ un passaggio che avviene in modo naturale. Si cresce e la visione e la percezione del mondo muta. Da bimbi ci si preoccupa di come avere il nuovo videogioco, poi come avere il motorino e una persona con cui farci delle “coccole” e poi si passa al mutuo e a come pagare le bollette.

– Puoi commentare con una frase i vostri 5 dischi?

– Triangolo nel bermuda: Ingenuamente buffo

INTERNETtezza urbana: Efficace

Sbollata: Capolavoro

Ginecology: Incompreso

Fiches: Una conferma

– Vi abbiamo visto sul grande schermo di Italia 1 con Colorando dove avete presentato il vostro singolo “Potter fesso”, brano che è diventato una hit sui circuiti mp3 e su Youtube con il passaparola dei fan. Puoi commentare questa esperienza?

– E’ stato bello e spero lo sia ancora, nel senso che non dovrebbe essere una toccata e fuga la nostra. Una cosa così grande non ci era mai capitata, è incredibile quante persone si muovano dietro un spettacolo del genere. Quando si  è dentro è come andare in colonia con tanti altri bambini “matti” come te.

– Altra esperienza significativa per voi sono i concerti con la vostra guru Cristina D’Avena. Com’è nata questa collaborazione? Com’è condividere il palco con lei? Quanto durerà ancora questa esperienza? Uscirà un cd?

– La storia è un po’ lunga e raccontata più volte, diciamo brevemente che vivendo nella stessa città ci si è incontrati per caso più volte, lei sapeva chi eravamo, ma è stata la sorella di Cristina con cui abbiamo lavorato per altre cose, che ci  ha messi in contatto vero e proprio dopo che noi insistevamo per questa collaborazione.

– A quali sigle e cartoni sei più legato?

Sicuramente a quelle dei Robottoni

– So che è un pò presto per chiedervelo, ma avete già incominciato a pensare a un nuovo disco?

No, per ora siamo concentrati su Colorado e i suoi sviluppi. Se le cose vanno bene, verrà di conseguenza

– Grazie per la disponibilità e per avermi permesso di intervistarti.

– Prego. Siaoooooooo

Marco “C’est Disco” Gargiulo per Mag-Music

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.