Rassegna stampa dal mondo del 15 maggio

Le principali notizie di oggi da tutto il mondo.

rassegna stampa

Siria

Il presidente venezuelano mobilita l’esercito e dichiara lo stato d’emergenza. Nicolás Maduro ha dichiarato che vuole difendere il paese da un golpe straniero. Il 14 maggio ha annunciato l’inizio di una serie di esercitazioni da parte delle forze armate venezuelane e ha detto di essere pronto “a qualsiasi scenario”. Il presidente inoltre ha disposto il sequestro di tutte le fabbriche che hanno interrotto la produzione a causa della crisi economica ed energetica che da tre anni sta colpendo il paese, che secondo Maduro è colpa degli Stati Uniti. L’opposizione è scesa in piazza a Caracas per chiedere le dimissioni del presidente.

Attentato suicida in impianto di gas in Iraq: almeno 11 morti. L’attacco è stato rivendicato dai jihadisti del gruppo Stato islamico. Un’autobomba è esplosastamattina all’entrata dello stabilimento a Taji, vicino a Baghdad. In seguito sei kamikaze che indossavano delle cinture esplosive sono entrate nell’impianto e si sono scontrati con le forze di sicurezza.

Hezbollah dichiara che il suo capo militare è stato ucciso dai jihadisti. Mustafa Badreddine è morto in un raid aereo vicino all’aeroporto di Damasco, in Siria, come ha annunciato il 13 maggio lo stesso gruppo sciita libanese. Si pensa che Badreddine abbia gestito tutte le operazioni militari di Hezbollah in Siria dal 2011 a oggi. Tra i gruppi accusati di aver ucciso Badreddine ci sono lo Stato islamico e il Fronte al nusra. In Siria Hezbollah combatte al fianco del regime di Assad.

Si è dimesso Domenico Scala, responsabile del comitato di vigilanza della Fifa. La decisione è arrivata in polemica con le riforme annunciate dal nuovo presidente della federazione calcistica, Gianni Infantino, accusato di voler accentrare i poteri su di sé. Le riforme prevedono che sia lo stesso comitato della Fifa a nominare le commissioni indipendenti che vigilano sulle questioni etiche e finanziarie. L’anno scorso la Fifa è stata colpita da un grave scandalo sulla corruzione.

Scontri al cimitero di Mosca: due morti. Le violenze hanno coinvolto più di duecento persone e sono avvenute nel cimitero di Khovanskoye, il più grande della città. I feriti sono almeno dieci. Sono state arrestate 50 persone. All’origine degli scontri ci sarebbe una disputa sul controllo dei servizi di sepoltura, fanno sapere i mezzi d’informazione russi.

Più di 50 morti negli ultimi due giorni a causa del maltempo in Bangladesh.Sarebbero state colpite da fulmini, ha dichiarato la polizia locale. La maggior parte delle vittime erano agricoltori che lavoravano nelle risaie. Due studenti sono morti nella capitale Dhaka. In Bangladesh sono frequenti dei forti temporali ma quest’anno sono stati particolarmente intensi. Secondo gli esperti, tra le cause ci sono l’aumento delle temperature e la deforestazione.

La casa farmaceutica Pfizer annuncia più controlli sui farmaci per non farli usare per la pena di morte. La multinazionale statunitense ha dichiarato che applicherà più restrizioni sulla commercializzazione dei suoi farmaci, per evitare l’uso nelle iniezioni letali. La scelta che mette un grosso freno ai prodotti a disposizione degli stati che praticano la pena di morte.

A Cannes proiettato il nuovo film di Steven Spielberg. Il gigante gentile (The Bfg), prodotto dalla Disney e ispirato al romanzo Il Ggg di Roald Dahl, è fuori concorso. Nel cast, tra gli altri, ci sono gli attori Rebecca Hall e Mark Rylance. Nella sezione Quinzaine des Réalisateurs sarà invece presentato La pazza gioia, il nuovo film di Paolo Virzì, con Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti.

Alan Rusbridger rinuncia alla presidenza dello Scott trust, il fondo da cui dipende il gruppo editoriale del Guardian. L’ex direttore avrebbe dovuto assumere la guida del trust a settembre, ma ha annunciato che questo non succederà a causa dei contrasti con la direzione. Nelle ultime settimane Rusbridger, che ha diretto il quotidiano da 1995 al 2015, è stato accusato da fonti interne al giornale di essere responsabile delle difficoltà finanziarie del quotidiano, che nel 2015 ha registrato perdite per 52 milioni di sterline.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *