Riscaldamento globale, alcune città italiane a rischio annegamento ma non nell’immediato


Torniamo a parlare di riscaldamento globale e dei danni che sta causando e continuerà a causare nei prossimi anni, secondo ultimi studi scientifici sembra che nei prossimi 200 anni (quindi nonostante i titoloni ad effetto di siti e quotidiani non nell’immediato) alcune città italiane come Venezia, Pisa, Napoli, costiera amalfifatana e parte della Pianura Padana rischiano di essere sommersi dalle acque. A delineare questo scenario apocalittico è uno studio pubblicato su Climate Change, secondo cui l’aumento della temperatura globale di 4 gradi rispetto ai livelli preindustriali comporterà l’innalzamento di nove metri del livello dei mari.

Gli scienziati hanno realizzato una mappa interattiva che mostra, città per città, il pericolo cui andrà incontro l’Italia (e il mondo) se le emissioni di gas serra e il riscaldamento globale non subiranno una riduzione.

Secondo gli esperti, la situazione diventerebbe critica anche se venisse rispettato il limite dell’aumento della temperatura “ben al di sotto dei due gradi” fissato con l’accordo sul clima della Cop21 di Parigi. In questo caso sarebbero in pericolo tutte le persone che vivono in territori fino a 130 metri sopra il livello del mare.

La mappa interattiva sviluppata dagli scienziati è divisa in due parti: a sinistra simula l’innalzamento del livello dei mari in presenza di un aumento di 4 gradi della temperatura globale, mentre a destra viene mostrato le conseguenze con l’aumento di 2 gradi. In alto è possibile inserire il nome di una data città o località.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.