Rassegna stampa dal mondo del 25 maggio

Le principali notizie di oggi da tutto il mondo.

rassegna stampa

Eurogruppo

I ministri delle finanze della zona euro hanno approvato nuovi aiuti per la Grecia. Dopo undici ore di negoziati si sono accordati per sbloccare 10,3 miliardi di euro in nuovi prestiti: una prima parte, 7,8 miliardi, arriverà a giugno, la seconda dopo l’estate. È il terzo piano di aiuti ad Atene dal 2010. I ministri hanno inoltre raggiunto un’intesa di massima sulla riduzione del debito greco nel 2018. Questa era una richiesta del Fondo monetario internazionale (Fmi), secondo cui il debito pubblico di Atene ha raggiunto il 180 per cento del pil ed è ormai insostenibile. L’Fmi potrebbe così partecipare al prossimo piano di salvataggio della Grecia entro la fine del 2016. La decisione dell’Eurogruppo è arrivata due giorni dopo l’approvazione di nuovi tagli alla spesa e aumenti delle tasse da parte del parlamento greco.

Un nuovo capo per i taliban afgani. È il mullah Haibatullah Akhundzada, un importante giudice di questioni religiose che era stato scelto come vice da Akhtar Mansour, il leader taliban ucciso il 21 maggio da un drone statunitense in Pakistan. La scelta del nuovo capo è stata il frutto di una serie di incontri tra i dirigenti del gruppo a Quetta, in Pakistan. La decisione è stata rapida, probabilmente per prevenire nuove divisioni all’interno del movimento.

La polizia greca continua lo sgombero del campo profughi di Idomeni. Le autorità hanno dato il via il 24 maggio alle operazioni di evacuazione, che sono riprese stamattina e andranno avanti per diversi giorni. Ai giornalisti e ai volontari non è stato permesso di assistere. Idomeni è un campo non ufficiale che si è espanso notevolmente negli ultimi mesi, dopo che la Macedonia ha chiuso il confine con la Grecia. Fino al 23 maggio ospitava quasi diecimila persone tra cui siriani, afgani, iracheni. Le autorità greche hanno trasferito circa duemila persone in campi controllati dall’esercito nel nord della Grecia.

In Colombia sono scomparsi tre giornalisti. A Catatumbo, una regione nel nordest della Colombia controllata da diversi gruppi di guerriglieri, sono scomparsi la corrispondente del quotidiano spagnolo El Mundo, Salud Hernández, e altri due giornalisti della tv locale Rcn che stavano indagando sulla scomparsa della donna. Per il momento nessun gruppo armato ha rivendicato il rapimento dei giornalisti.

Le raffinerie francesi chiuse per sciopero. Dopo il rifiuto del governo di ritirare la contestata riforma del lavoro, i sindacati hanno indetto nuove mobilitazioni. La chiusura di tutte le otto raffinerie in territorio francese ha causato una grave carenza di carburante e il 20 per cento circa delle stazioni di servizio è senza benzina. Il 24 maggio la polizia ha usato gli idranti e i gas lacrimogeni per disperdere i lavoratori che picchettavano la fabbrica di Fos-sur-Mer, vicino a Marsiglia.

Scontri a Bruxelles tra polizia e manifestanti durante un corteo contro l’austerità. Il 24 maggio le forze dell’ordine hanno usato gas lacrimogeni e idranti per disperdere i manifestanti, che a loro volta hanno lanciato petardi e altri oggetti come pietre e bottiglie. Ci sono stati dei fermi. I belgi protestano contro una riforma del lavoro e delle pensioni.

La Monsanto ha rifiutato l’offerta di acquisizione fatta dalla Bayer. Il gruppo statunitense ha valutato inadeguata l’offerta della casa farmaceutica tedesca, ma non considera chiuse le trattative. La Bayer aveva offerto 62 miliardi di dollari per comprare la società agroalimentare specializzata in organismi geneticamente modificati.

Raid della polizia francese nella sede di Google. La polizia francese ha perquisito la sede parigina di Google, nel quadro di un’inchiesta per una presunta frode fiscale. Un centinaio di poliziotti sono entrati nella mattinata del 24 maggio nella sede dell’azienda tecnologica statunitense che è accusata dal governo francese di non aver pagato 1,6 miliardi di euro di tasse.

I popoli della Cina producevano la birra cinquemila anni fa. Sono stati trovati a Mijiaya, nel nord del paese, alcuni recipienti usati per la produzione della bevanda. Per la fermentazione veniva usato il miglio, misto a tuberi, lacrima di Giobbe e orzo. Finora si pensava che l’orzo fosse stato adottato in Cina mille anni più tardi. È possibile che questo cereale sia stato usato prima per la produzione della birra e solo dopo per altri scopi alimentari.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.