Rifiuti in spiaggia: torna l’allarme di Legambiente

Rifiuti in spiaggia

Rifiuti in spiaggia

Un problema enorme e anche di difficile risoluzione quello dei rifiuti sulle spiagge italiane che poi finiscono sistematicamente in mare inquinandolo ma diventando anche cibo per l’ecosistema marino con tutti i danni spesso irreperabili che questo comporta, in Italia ovviamente siamo molto indietro nel cercare di attuare politiche e azioni ben precise e mirate nel cercare almeno di arginare un problema che è costosissimo sotto ogni punto di vista e se non si interviene in maniera decisa andrà sempre peggio.

Queste preoccupanti stime emergono da uno studio di Arcadis, e sono rilanciate da Legambiente in occasione della presentazione del report Beach Litter. Il problema dei rifiuti spiaggiati e di quelli in mare rappresenta la punta dell’iceberg: circa il 70% dei rifiuti che entra a contatto con l’ecosistema marino affonda e solo il 15% resta in superficie, ha spiegato la presidente di Legambiente Rossella Muroni.

E’ dunque urgente mettere in programma azioni per la progressiva riduzione dei rifiuti in mare e nella fascia costiera come previsto dalla direttiva Ue Marine Strategy, che in Italia non sono ancora state messe in campo, ha proseguito. Il dossier dell’associazione ambientalista rientra nella più ampia campagna Spiagge e Fondali puliti, che nel weekend mobiliterà gli italiani per la pulizia di spiagge, scogliere e fondali, con l’obiettivo di sensibilizzare tutti i cittadini sull’argomento.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.