Rassegna stampa dal mondo del 4 giugno

Le principali notizie di oggi da tutto il mondo.

rassegna stampa

Ancora emergenza a Parigi

Muhammad Ali è morto a Phoenix, in Arizona. Nato a Louisville, in Kentucky, nel 1942 come Cassius Marcellus Clay Jr., è stato una leggenda del pugilato. Dopo aver vinto la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Roma del 1960 è stato campione del mondo dei pesi massimi a più riprese tra il 1964 e il 1978. Nel 1965 si convertì all’islam e nel 1968 si rifiutò di partecipare alla guerra del Vietnam. Per diversi anni non potè quindi combattere negli Stati Uniti e il suo incontro con George Foreman, a Kinshasa, in quello che all’epoca era lo Zaire, è probabilmente il suo match più memorabile. Da tempo Alì era affetto dalla sindrome di Parkinson. Aveva 74 anni.

Più di trecento migranti messi in salvo a largo di Creta. Un’imbarcazione che, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, trasportava 700 persone si è capovolta a largo dalla costa meridionale di Creta. I soccorsi coordinati dalla guardia costiera greca ha tratto in salvo circa 340 migranti. Sono stati recuperati anche quattro cadaveri. Un portavoce della marina libica ha detto che, fino a giovedì sera, sono stati ritrovati i corpi di 107 migranti sulla spiaggia di Zuara, probabilmentevittime di un diverso incidente, avvenuto mercoledì. Tra questi anche molte donne e bambini.

Maltempo in Francia, il picco dell’ondata di piena della Senna raggiungerà Parigi nella notte. Continua a preoccupare la piena del fiume che ha già superato disei metri il livello abituale. Chiusi il Louvre, il Musée d’Orsay, il Grand Palais e la biblioteca nazionale. Problemi seri nei trasporti anche a causa delle agitazioni sindacali. Il tutto a una settimana dall’inizio degli Europei di calcio. Il maltempo ha già causato undici morti in Francia e nel sud della Germania. Il presidente francese François Hollande ha dichiarato lo stato di catastrofe naturale nelle aree colpite dalle inondazioni, dove migliaia di persone hanno dovuto abbandonare le loro case o sono rimaste senza elettricità.

Ventiquattro morti durante uno sgombero a Mathura, nel nord dell’India. Da due anni e mezza un’ampia area di un parco della città era occupato illegalmente dagli attivisti di una setta che si rifà al culto di Netaji Subhas Chandra Bose, con il pretesto di un sit-in di protesta permanente. Giovedì 2 giugno la polizia ha cominciato lo sgombero ma gli occupanti, armati pesantemente, hanno attaccato gli agenti. Alla fine dello scontro si contano 24 morti, tra cui due agenti di polizia, e circa trecento arresti.

Paul Ryan appoggia Donald Trump nella corsa alla Casa Bianca. Dopo aver esitato a lungo, il repubblicano Paul Ryan, presidente della camera dei rappresentanti di Washington, ha scritto un articolo di endorsement al milionario Donald Trump sulla Janesville Gazette, un quotidiano locale statunitense. Invece, in un comizio a San Diego, Hillary Clinton, candidata alle primarie del Partito democratico, per la prima volta ha attaccato duramente Trump. Clinton lo ha definito permaloso, irrazionale e non preparato in politica estera.

La Polonia recluterà una forza di paramilitari. Il ministro della difesa polacco Antoni Macierewicz ha affermato che a partire da settembre verrà formata una forza di difesa composta da 35mila paramilitari, cioè di volontari civili a cui sarà impartito un addestramento militare. L’idea è di rinforzare la difesa del territorio nazionale a causa delle tensioni diplomatiche con la Russia.

Ritrovato Yamato Tanooka, il bambino sperduto in un bosco nel nord del Giappone. Il bambino di sette anni si era allontanato dai genitori in un bosco nel nord dell’isola di Hokkaido sabato 28 maggio, dopo essere stato messo in punzione. Yamato è stato trovato sano e salvo la mattina del 3 giugno in una struttura del centro di addestramento militare di Shikabe, a circa cinque chilometri da dove era stato lasciato. Il padre ha chiesto pubblicamente scusa per l’allarme causato.

Nuove rivelazioni sulla gestione della Fifa durante la presidenza di Sepp Blatter. Gli avvocati che curano gli interessi della federazione calcistica internazionale hanno rivelato alcuni dettagli che contribuiscono a dare una misura della corruzione ai massimi vertici della Fifa. I tre più alti dirigenti, cioè l’ex presidente Sepp Blatter, l’ex segretario generale Jérôme Valcke e l’ex direttore finanziario Markus Kattner, negli ultimi cinque anni in cui sono stati in carica si sono assegnati bonus e premi per più di 70 milioni di euro.

Showtime annuncia una serie tv ispirata al romanzo Purity di Jonathan Franzen. La serie, prodotta da Scott Rudin, avrà tra i protagonisti Daniel Craig e dovrebbe essere divisa in venti puntate che andranno in onda in due stagioni. Nel 2011 la Hbo aveva annunciato che Scott Rudin avrebbe prodotto un adattamento televisivo da un altro romanzo di Franzen, Le correzioni, con la regia di Noah Baumbach e un cast in cui figuravano Ewan McGregor e Maggie Gyllenhaal. Ma il progetto si è arenato in fase di scrittura. Rischio che, secondo il network Showtime, non esiste per l’adattamento di Purity non sarà altrettanto difficile da portare a termine.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *