Rassegna stampa dal mondo del 6 giugno

Le principali notizie di oggi da tutto il mondo.

rassegna stampa

Referendum in Svizzera

In tutte le grandi città italiane si andrà al ballottaggio il 19 giugno. Nessun candidato ha vinto al primo turno nelle città più grandi, secondo i risultati quasi definitivi delle amministrative. L’unica eccezione potrebbe essere Cagliari, dove il sindaco uscente di centrosinistra, Massimo Zedda, è vicino alla riconferma. A Roma la candidata cinquestelle Virginia Raggi ha preso il 35,6 per cento, Roberto Giachetti del Partito democratico è arrivato al ballottaggio (24,6 per cento) per pochi punti di vantaggio sulla candidata di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni (ferma al 20,6 per cento). A Milano Giuseppe Sala (Pd) ha il 41,6 per cento, mentre Stefano Parisi (centrodestra) il 40,8 per cento. Anche Torino, Bologna e Napoli andranno al ballottaggio. I risultati in diretta.

In Svizzera è stato respinto il referendum sul reddito di cittadinanza. Il 76 per cento degli elettori ha detto no. Sono invece state approvate una riforma per accelerare le procedure per ottenere l’asilo politico e una legge sulla diagnosi preimpianto.

Hillary Clinton rivendica la vittoria delle primarie a Puerto Rico. Nella corsa per la nomination del Partito democratico alla presidenza degli Stati Uniti l’ex segretaria di stato ha annunciato su Twitter la vittoria sull’avversario Bernie Sanders. A Clinton mancano meno di trenta delegati per raggiungere la soglia dei 2.383 necessari a ricevere l’investitura ufficiale. Saranno risolutive le primarie del 7 giugno in sette stati, tra cui New Jersey e California.

Secondo turno delle presidenziali in Perù, Kuczynski in vantaggio. Secondo i primi risultati annunciati dalle autorità elettorali, l’ex banchiere di Wall street Pedro Pablo Kuczynski ha ottenuto il 50,58 per cento dei voti contro la sua avversaria, Keiko Fujimori, la figlia dell’ex dittatore, attualmente in carcere per corruzione e crimini contro l’umanità. I risultati definitivi non arriveranno prima di stasera. Al primo turno Kuczynski, il candidato del centrodestra, aveva ottenuto solo il 21 per cento dei voti contro il 39 per cento di Fujimori, ma ha ricevuto il sostegno di Veronika Mendoza, la candidata di sinistra arrivata terza ad aprile.

La città siriana di Aleppo nel fuoco incrociato del governo e dei ribelli. Sedici civili sarebbero stati uccisi nei nuovi bombardamenti dell’esercito siriano (affiancato dai jet russi) sui quartieri della città siriana controllati dai ribelli, e dove vivono sotto assedio duecentomila civili. Intanto nella provincia di Aleppo le truppe curde, sostenute dagli Stati Uniti si avvicinano a Minbej, sull’asse che collega Raqqa, capitale del gruppo Stato islamico (Is), alla frontiera turca. Il 4 giugno l’esercito di Assad è entrato per la prima volta dal 2014 nella provincia controllata dall’Is.

A Mogadiscio è stata assassinata una giornalista radiofonica. Sagal Salad lavorava come produttrice e conduttrice per l’emittente statale Muqdisho. La polizia ritiene che l’omicidio sia opera della milizia islamista al Shabaab. In Somalia sono stati uccisi 46 giornalisti dal 2007 in coincidenza con l’aumento degli attentati di al Shabaab.

A Gerusalemme Est sicurezza rinforzata per l’anniversario della guerra dei sei giorni. Più di duemila poliziotti sono schierati in previsione della sfilata dei giovani sionisti. La giornata cade alla vigilia dell’inizio del mese di Ramadan; un giudice dell’alta corte ha stabilito che la manifestazione comincerà un quarto d’oraprima del previsto (alle 15 in Italia) per evitare che i manifestanti si trovino nei quartieri islamici se fosse fissato a oggi l’inizio del digiuno.

Novak Djokovic ha vinto il Roland-Garros. Il tennista serbo ha battuto lo scozzese Andy Murray 3-6, 6-1, 6-2, 6-4 sul campo di Parigi dopo una partita durate tre ore e tre minuti. Il 4 giugno nel torneo femminile la spagnola Garbiñe Muguruza ha battuto la statunitense Serena Williams.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *