UT: Sergio Bonelli presenta il 4° volume!

UT. Quarto volume dal titolo: Gli Uomini se ne vanno, gli arrabbiati restano

ut

Arriva in edicola il 23 giugno e in fumetteria il 30 giugno, nella versione con variant cover di Corrado Mastantuono, la quarta puntata della saga di UT dove la comparsa dell’originale di Iv fa tremare Decio e Gau!

Continua con Gli uomini se ne vanno, gli arrabbiati restano la saga di UT, il capolavoro nato dalla mente di Corrado Roi, maestro delle ombre che dalle pagine di Dylan Dog passa a creare, assieme a Paola Barbato, la serie a cui sta lavorando da tutta la vita.

Nel quarto capitolo della serie, Caligari (il padrone della Vie della Fame, in cui riscuote affitti, detta legge e semina terrore) riemerso dalla terra e fatto prigioniero dalla specie dei Talpini, viene inaspettatamente liberato da Decio. L’entomologo gli racconta della comparsa dell’originale di Iv, la cui presenza preoccupa sia lui che Gau e gli intima di risolvere al più presto la situazione. La prima reazione di Caligari è di aizzare le Vie della Fame contro Iranon e Ut. I due subiscono a loro volta l’influenza della nuova arrivata che, sebbene ancora stordita dall’improvviso risveglio, sembra conoscere cose che nessuno sa, come la Fiaba che Ut racconta a Yersinia per nutrirla. Questo sarà il primo segnale che le cose stanno inesorabilmente cambiando…

Il nuovo albo di UT vede la sua cover da edicola firmata da Corrado Roi con protagonista la piccola Yersinia, una creatura con l’aspetto e l’indole di una bambina che si nutre di fiabe, seduta in braccio a UT. Ma anche per questo quarto volume, la nuova saga prevede anche un’edizione da fumetteria che sarà disponibile dal 30 giugno e vedrà, oltre all’esclusivo apparato redazionale creato appositamente dal team Bonelli, una speciale variant cover firmata da Corrado Mastantuono.

Ma chi è UT? E in quale luogo trasporta i suoi lettori?

Dopo la scomparsa dell’uomo, la terra è devastata, la fauna pressoché estinta, l’ambiente intossicato. Quel che resta del pianeta è popolato da nuove specie, esteriormente molto simili all’uomo, ma dalle capacità limitate. Sono esseri governati principalmente dai loro bisogni primordiali, sui quali spicca la fame che li spinge a nutrirsi gli uni degli altri.  Ut è uno di loro, una creatura elementare, feroce e infantile, i cui compiti sono cercare, per conto dell’entomologo Decio, i pochi insetti non ancora estinti e sorvegliare un’antica mastaba a cui nessuno deve avvicinarsi. Proprio da lì, il giorno in cui Ut viene accidentalmente distratto e un gruppo di malintenzionati fa irruzione nell’edificio, emerge un individuo mai visto prima, diverso da tutti gli altri… Si chiama Iranon, è enorme, frastornato e non ricorda più nulla di sé. Decio, preoccupato, lo nasconde subito in casa e incarica Ut di non perderlo mai di vista: gli deve impedire di venire in contatto con chicchessia, perché – sono le sue enigmatiche parole – “è il solo esemplare della sua specie”. A Ut non importa nulla del nuovo arrivato, la sola cosa per la quale prova interesse è un gattino, esemplare rarissimo che ha trovato e preso con sé. La comparsa di Iranon però non è passata inosservata e la voce della sua presenza inizia a rimbalzare tra le Vie della Fame, le Vie dei Mestieri e le Vie dei Pensieri, raggiungendo tutte le nuove specie e chi le governa. C’è chi lo teme, chi lo brama, chi vuole strumentalizzarlo per ragioni oscure e chi vuole semplicemente cancellare la sua presenza dalla terra…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.