“Le nuove donne del cacao”, in mostra alla Triennale di Milano donne che cercano un riscatto in Africa

Donne africane in cerca di un riscatto economico e sociale in Africa raccontate da Francesco Zizola.

Il 26 settembre 2015 nel villaggio di Medoh, a circa 300 km da Abidjan, la città più importante della Costa d’Avorio, è stata inaugurata una fabbrica di sapone. La fabbrica nasce da un progetto di Solange N’Guessan, donna ivoriana alla guida di 18 cooperative di coltivatori di cacao, ed è destinata esclusivamente alle donne; le donne vi lavorano e guadagnano il primo stipendio della loro vita. A nessuna donna di questi luoghi è mai stato riconosciuto nulla, in senso concreto o simbolico, per il proprio lavoro, dentro e fuori le piantagioni.

L’idea di Solange N’Guessan è stata quella di trasformare l’antico modo di produrre sapone in una pratica moderna, facilitata da macchinari e accessibile fino a 100 donne del posto, riunite in cooperativa.  Il sapone, come da tradizione, sarà prodotto con gli scarti della lavorazione del cacao, con ricadute positive sia sull’ambiente che sulla salute della comunità. Una maggiore diffusione dell’igiene personale aiuterà a contrastare le malattie epidemiche, mentre la raccolta dei gusci di cacao, che di norma restano a terra dopo il raccolto, aiuterà i terreni a essere più produttivi.

Per realizzare la fabbrica Solange N’Guessan ha stretto un’alleanza con i titolari di una fabbrica italiana di cioccolato, la Luigi Zaini S.p.A., dove le pari opportunità sono considerate un traguardo imprescindibile della responsabilità di impresa. Francesco Zizola ha colto negli sguardi di queste donne la loro forza inscalfibile, la grande dignità e la fragilità del momento in cui si sono sentite consapevoli che la loro vita potesse cambiare, che avesse già cominciato a cambiare.

Dal 1° al 17 luglio 2016 presso il Palazzo della Triennale di Milano.

francesco zizola

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *