Rassegna stampa dal mondo del 4 luglio 2016

Le principali notizie di oggi da tutto il mondo del 4 luglio 2016.

rassegna stampa

I funerali per le vittime di Dahka

Tre giorni di lutto in Iraq per l’attentato in cui sono morte 125 persone. I feriti sono circa 150. Un’autobomba è esplosa nel quartiere di Karrada, a Baghdad, sabato sera dopo il tramonto. La zona commerciale era affollata di persone che erano scese in strada dopo l’interruzione del digiuno del Ramadan. Un’altra bomba è esplosa poche ore dopo in un’area a maggioranza sciita nel nord della capitale, uccidendo altre cinque persone. L’attentato è stato rivendicato dal gruppo Stato islamico.

Per il governo bangladese i terroristi di Dhaka non appartenevano al gruppo Stato islamico. A tre giorni dall’attentato in un ristorante della capitale del Bangladesh in cui hanno perso la vita venti persone, tra cui nove italiani, emergono nuovi dettagli sugli attentatori. I sette jihadisti appartenevano al gruppo Jamaat-ul-mujahideen Bangladesh (Jmb), erano giovani ben istruiti e benestanti. Secondo le autorità del paese, il gruppo Stato islamico, che ha rivendicato l’attentato, non è direttamente coinvolto. Tuttavia la polizia sta indagando su possibili collegamento tra il commando e reti jihadiste internazionali. Le salme degli italiani uccisi dovrebbero tornare in Italia tra giovedì e venerdì. Oggi è prevista una commemorazione ufficiale in Bangladesh.

Attentato vicino al consolato statunitense di Gedda, in Arabia Saudita. Il ministro dell’interno saudita ha confermato che un uomo si è fatto esplodere vicino al consolato statunitense e ha ferito due agenti in maniera non grave. Il consolato di Gedda era già stato attaccato nel 2009. C’è massima allerta vicino ad ambasciate e alle sedi diplomatiche statunitensi in tutto il mondo perché si temono nuovi attentati nel giorno della festa dell’indipendenza degli Stati Uniti.

Pechino annuncia una settimana di esercitazioni nel mar Cinese meridionale. Le operazioni continueranno fino all’11 luglio, quando il tribunale internazionale dell’Aja dovrà esprimersi sulla giurisdizione di quest’area, contesa tra diversi paesi (Cina, Filippine, Malesia, Vietnam). Pechino ha già detto che ignorerà il verdetto.

In Australia l’esito delle legislative è ancora incerto. Lo spoglio è quasi terminato: sembra che il premier uscente, il conservatore Malcolm Turnbull che aveva anticipato il voto per rafforzare il suo governo, abbia invece perso la maggioranza assoluta dei 150 seggi parlamentari e sia stato superato dai laburisti. La mancanza di un chiaro vincitore porta il paese nello stallo politico.

Truppe israeliane si dispiegano a Hebron, in Cisgiordania. Centinaia di soldati sono stati inviati a presidiare la città, dopo che il 1 luglio un palestinese ha sparato contro un’auto uccidendo l’uomo alla guida e ferendo la moglie e i due figli. Inoltre, l’aviazione di Tel Aviv ha colpito quattro obiettivi di Hamas nella Striscia di Gaza, in risposta al lancio di un razzo nel sud di Israele.

Rapito in Nigeria il vice ambasciatore della Sierra Leone. Alfred Nelson-Williams è stato sequestrato lungo la strada che collega la capitale nigeriana Abuja alla città di Kaduna, duecento chilometri più a nord, dove doveva assistere a una cerimonia militare. Il diplomatico è un ex comandante dell’esercito della Sierra Leone. Sono in corso trattative per il riscatto.

Chiude la passerella di Christo sul lago d’Iseo. Con un bilancio di un milione e mezzo di visitatori, a mezzanotte di domenica è stata chiusa l’istallazione galleggiante che oggi sarà smantellata. Per l’evento conclusivo, tra i paesi di Sulzano e Monte Isola è stata formata una catena umana di persone che indossavano abiti bianchi.

La pazza gioia vince il nastro d’argento per il miglior film 2016. Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese ha avuto il premio per la miglior commedia, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti quello per il miglior esordio. Paolo Virzìha vinto per miglior film e sceneggiatura. I nastri d’argento assegnati dai giornalisti cinematografici sono stati consegnati il 2 luglio nel teatro greco di Taormina.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.