Polipetti alla luciana perché questo nome?

Polpo alla lucianaI polipetti alla Luciana sono una buonissima ricetta partenopea, che deve il suo nome al luogo di origine, il rione di Santa Lucia. Si tratta di uno dei rioni più storici di Napoli, compreso nell’area di San Ferdinando dove si trova la storica basilica di Santa Lucia a Mare.

La leggende narra che la basilica fosse stata voluta dall’imperatore Costantino e gli abitanti del quartiere si chiamano luciani. Questi golosi polipetti sono quindi nati in questa zona storica della città, un tempo borgo di pescatori, che ha regalato loro il nome caratteristico di polipetti alla luciana.

Polipetti alla luciana: più buoni con la saggezza popolare

La ricetta dei polipetti alla luciana è semplice, ma dobbiamo ricordarci un detto popolare, fondamentale per ottenere una ricetta prelibata e ben riuscita. Secondo la tradizione, i polipetti devono cuocere nella loro acqua e nella polpa di pomodoro, quindi non bisogna aggiungerne di supplementare. Il detto popolare recita infatti ‘o purpo adda cocer int all’acqua soja‘, quindi i polipetti devono cuocere con il loro vapore, per mantenere al meglio la giusta consistenza e l’innato sapore.

Per preparare i polipetti alla luciana secondo tradizione servono:

  • 700 grammi di polipetti veraci;
  • 500 grami di pomodori pelati;
  • 50 ml di vino bianco per cucinare;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • olio extravergine d’oliva di qualità;
  • prezzemolo.

Polipetti alla luciana: la ricetta tradizionale

Per prima cosa puliamo i nostri polipetti, eliminando le interiora, il becco, gli occhi e la sacca e laviamoli con cura con acqua e sale. Disponiamoli in una pentola, meglio se di coccio a testa in giù e aggiungiamo lo spicchio d’aglio sbucciato e l’olio. Cuociamo a fuoco vivo per qualche minuto e quindi aggiungiamo il vino fino a farlo completamente sfumare.

Aggiungiamo ora i nostri pelati e copriamo per bene la pentola, servendoci di un coperchio e se vogliamo di un foglio di alluminio. Questa ‘tattica’ serve perché i polipetti possano cuocersi con il loro vapore e raggiungere la tipica consistenza e fragranza.

Lasciamo cuocere a fuoco bassissimo per ameno due ore e non mescoliamo, ma scuotiamo ogni tanto la pentola con dolcezza.

Una volta cotti i polipetti, togliamo la pentola dal fuoco e lasciamo riposare per un decina di minuti, togliamo il coperchio e gustiamo i polipetti con dei crostini di pane. La ricetta è deliziosa se impiegata per condire gli spaghetti e per completare al meglio i polipetti alla luciana è ideale spargere un po’ di prezzemolo tritato che ne esalta il sapore.

Questa la ricetta tradizionale del piatto, ma possiamo scoprire una variante interessante che segue passo passo la tradizione, ma aggiunge un po’ di ‘passione’ al piatto con l’aggiunta di un pizzico di peperoncino in polvere. Si tratta della ricetta dei polipetti alla luciana che possiamo incontrare sul blog di cucina de La Fiammante, uno spazio ricco di ricette della tradizione italiana.

Buoni da gustare in ogni stagione, i polipetti alla luciana sono un piatto appetitoso e la tradizione li associa spesso ai piatti proposti per al Vigilia di Natale. Ottima è la variante con i moscardini, che prende il nome di moscardini alla luciana e impiega i teneri pesciolini al posto dei polipetti, per un piatto della tradizione che sa rendere omaggio al mare e ai suoi doni più preziosi.




loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *