L’importanza della memoria nell’antichità: e oggi è ancora importante?

La memoria ovvero la capacità di ricordare fatti, eventi e emozioni era già ampiamente discussa nell’antichità.

Oltre che da un punto di vista medico, la memoria era tenuta molto in considerazione anche dai filosofi più famosi della storia come Giordano Bruno, Pico della Mirandola ma già nella mitologia greca ci si affidava alla dea Mnemosine figlia del cielo e della Terra che insieme a Zeus contribui a generare nuove muse. Tornando ai filosofi essi erano molto affascinati da questo aspetto della mente e oltre ad essere ricordati come grandi pensatori lo erano anche come grandi memorizzatori.

memoria e filosofia

Memoria

Giordano Bruno, la memoria era la base della conoscenza.

Il filosofo campano considerato eretico e per questo finì al rogo aveva un’altissima considerazione della memoria considerandola come la base per costruire la nostra conoscenza e rappresentazione della realtà. Per lui la memoria era il luogo mentale dove risiedevano le idee e la realtà e dove venivano organizzate e rappresentate.

Pico della Mirandola, il pensatore dalla memoria eccezionale.

Fin da bambino Pico della Mirandola dimostrò di avere una grande intelligenza dotato di una memoria eccezionale che lo aiutò moltissimo nello studio e nell’apprendere svariate lingue tra cui il latino, il greco, l’ebraico, l’aramaico, l’arabo e il francese. Lui memorizzava facilmente qualunque testo e lo esponeva con sconcertante naturalezza.

La possibilità di perdere la memoria erano un fattore di cui già gli antichi erano molto preoccupati proprio per l’altissima importanza che davano alla capacità di memorizzare. Essi ricorrevano già ai primissimi strumenti per allenare la memoria a immagazzinare informazioni e prima dell’avvento dell’alfabetizzazione ricorrevano agli hypomnemata ovvero taccuini su cui appuntavano qualsiasi cosa considerati come i primi rudimenti dell’intelligenza artificiale.

Ai giorni nostri con l’avvento delle più moderne e disparate tecnologie ma anche per i nostri stili di vita frenetici e stressanti sembra si sia persa l’importanza di ricordare il nostro passato, determinate emozioni interiori: memoria intesa anche come capacità di discutere, ragionare, informarsi, leggere.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *