Rassegna stampa dal mondo del 30 agosto 2016

In primo piano la giornata di lutto ad Amatrice e la morte di Gene Wilder.

rassegna stampa

Soccorsi migranti al largo della Libia

Ecco le principali notizie di oggi da tutto il mondo attraverso la rassegna stampa.

Record di soccorsi al largo della Libia. La guardia costiera italiana ha dichiaratodi aver salvato nella sola giornata del 29 agosto circa 6.500 migranti che avevano fatto naufragio a una ventina di chilometri da Sabratha, sulla costa libica. Il giorno prima nella stessa zona erano state messe in salvo 1.100 persone. Alle operazioni hanno partecipato anche ong come Medici senza frontiere e Proactiva open arms.

Giornata di lutto ad Amatrice. Oggi alle 18 si svolgeranno i funerali di altre vittime del terremoto del 24 agosto alla presenza del presidente Sergio Mattarella e del premier Matteo Renzi. In un primo tempo si era pensato di svolgere il rito funebre a Rieti, ma poi la cerimonia è stata spostata per le proteste degli sfollati. Il numero delle vittime è salito a 292 morti, di cui 231 ad Amatrice, 50 nel comune di Arquata del Tronto e 11 ad Accumoli, mentre sono 2.900 gli sfollati assistiti nelle tende dalla protezione civile.

Attesa per la decisione di Bruxelles sull’accordo fiscale raggiunto da Apple in Irlanda. La commissione europea si prepara a comminare una multa da miliardi di euro all’azienda statunitense perché avrebbe beneficiato di aiuti di stato illegali sotto forma di sconti fiscali in cambio della creazione di posti di lavoro. Gli accordi tra Dublino e la Apple risalgono al 1991 e al 2007, e avrebbero permesso all’azienda di pagare il 2 per cento di tasse, invece del 12,5 per cento, sui profitti delle sue filiali irlandesi.

Gene Wilder è morto a 83 anni. Wilder, il cui vero nome era Jerome Silberman, era un attore, sceneggiatore e scrittore statunitense. È stato il protagonista di commedie memorabili come Frankenstein junior, diretto da Mel Brooks. Alla fine degli anni novanta, dopo il ritiro dalle scene si è dedicato alla scrittura. È morto il 29 agosto a Stamford, nel Connecticut. Aveva 83 anni.

Attacco all’ambasciata della Cina in Kirghizistan. Secondo il governo kirghiso, un attentatore suicida ha lanciato un’autobomba contro la recinzione dell’ambasciata nella capitale Bishkek. L’attentatore è morto e tre dipendenti kirghisi della sede diplomatica sono rimasti feriti.

Dilma Rousseff si difende al senato brasiliano. Il 29 agosto la presidente brasiliana, temporaneamente sospesa in seguito alla procedura di impeachment, è comparsa davanti ai senatori per difendersi dall’accusa di aver truccato i conti pubblici. In un discorso di poco più di 45 minuti si è proclamata innocente e ha sostenuto che le accuse contro di lei sono un pretesto per coprire quello che ha definito un colpo di stato. Dilma Rousseff risponderà alle domande dei senatori poi, probabilmente il 30 agosto, si voterà. Se il senato deciderà di destituirla, Michel Temer sarà presidente fino al 2018.

Citate in giudizio le città francesi che hanno continuato a vietare il burkini in spiaggia. Gli amministratori di quattro città che hanno ignorato la decisione del Consiglio di stato francese sul divieto di indossare il burkini in spiaggia dovranno risponderne davanti alla giustizia. Venerdì 26 agosto tre giudici del Consiglio di statoavevano decretato illegittimo il divieto, ma alcuni sindaci hanno deciso di ignorare la decisione. Il Collettivo contro l’islamofobia in Francia (Ccif) ha citato in giudizio le città di Nizza, Roquebrune-Cap-Martin, Menton e Fréjus. La prima udienza avrà luogo martedì 30 agosto per la città di Fréjus, e il giorno dopo per le altre città.

Barack Obama incontrerà Recep Tayyip Erdoğan il 4 settembre. Mentre le forze armate turche intensificano l’operazione militare Scudo dell’Eufrate, il Pentagono ha definito “inaccettabili” azioni di esercito turco e ribelli filoturchi contro le milizie curde all’interno del territorio siriano. Il 29 agosto la Casa Bianca ha fatto sapere che il presidente statunitense Barack Obama incontrerà quello turco Recep Tayyip Erdoğan il 4 settembre in Cina, a margine di un incontro dei paesi del G20.

Si conclude la simulazione della Nasa per una missione su Marte. Una squadra di sei persone ha passato un anno isolata dal resto del mondo su una delle isole Hawaii, all’interno di un piccolo complesso per simulare la vita su Marte. I sei componenti della missione (un pilota, un architetto, un giornalista e un agronomo statunitensi più un esobiologo francese e un fisico tedesco) hanno dovuto sopravvivere a stretto contatto e con risorse limitate. Una missione su Marte, secondo gli esperti potrebbe durare da uno a tre anni.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.
loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *