Rassegna stampa dal mondo del 12 settembre

Il malore di Hilary Clinton poi le rassicurazioni.

Ecco la rassegna stampa dal mondo con le principali notizie di oggi.

rassegna stampa

Hilary Clinton

Il governo siriano approva l’accordo tra Stati Uniti e Russia. Sabato 10 settembre Stati Uniti e Russia hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per una tregua della guerra in Siria, e già da oggi si potrebbero interrompere le ostilità. Il governo di Bashar al Assad, secondo quanto riporta l’agenzia di stato Sana, approvasenza riserve l’accordo.

La Corea del Nord pronta per un nuovo test nucleare. A rivelarlo sono fonti ufficiali del governo sudcoreano secondo le quali il test potrebbe avvenire in ogni momento. Venerdì 9 settembre la Corea del Nord ha condotto il suo quinto esperimento, il più potente finora.

Hillary Clinton colpita dalla polmonite. In seguito a un malore, la candidata democratica alle elezioni presidenziali statunitensi ha dovuto lasciare la cerimonia di commemorazione per il quindicesimo anniversario degli attentati dell’11 settembre 2001, che si è svolto domenica 11 settembre a New York. Il suo medico, Lisa Bardack, ha poi spiegato che Clinton ha una polmonite, diagnosticata già venerdì.

Bakytzhan Sagintaev è il nuovo premier del Kazakistan. Sostituisce Karim Massimov, che è stato nominato capo dei servizi segreti. La decisione di darel’incarico a Sagintaev, vicepremier dal 2013, mette a tacere le voci sulla possibile scelta di Dariga Nazarbaeva, la figlia del presidente Nursultan Nazarbaev, che molti vedono come possibile erede politica del padre.

Antonio Guterres è ancora il favorito per l’incarico di nuovo segretario generale delle Nazioni Unite. L’ex primo ministro portoghese è il candidato che ha ricevuto più voti all’ultima votazione, la quarta, in sede di Consiglio di sicurezza. Il prossimo voto è previsto per il 26 settembre.

General Motors ritira quattro milioni di auto in tutto il mondo. La decisione è legata a un problema nel software, che avrebbe causato almeno un morto. Il difetto, spiega l’azienda automobilistica, impedisce agli airbag di attivarsi in caso di incidente.

Manifestazione in difesa del matrimonio omosessuale a Città del Messico. La dimostrazione, organizzata domenica 11 settembre dai sostenitori dei diritti degli omosessuali, è stata una risposta a un’altra manifestazione, che si è svolta sempre nella capitale messicana il sabato precedente, indetta dal movimento cattolico Frente nacional por la familia per opporsi ai matrimoni tra persone dello stesso sesso. Il matrimonio omosessuale è consentito in diversi stati della federazione messicana e la corte suprema del paese ha stabilito che proibirlo è contrario alla costituzione.

Esistono quattro specie di giraffe, non una sola. Uno studio ha mostrato che le diverse popolazioni sono rimaste separate da 1 o 2 milioni di anni e hanno un patrimonio genetico distinto. I ricercatori hanno identificato una giraffa meridionale, la reticolata, la Masai e la settentrionale. La scoperta potrebbe portare a una revisione dei programmi di protezione delle giraffe.

Ang Babaeng Humayo (The woman who left) ha vinto il Leone d’oro. Il film diretto dal regista filippino Lav Diaz si è aggiudicato il premio principale alla 73ª edizione della Mostra del cinema di Venezia. Gran premio della giuria a Nocturnal animals di Tom Ford e premio speciale a The bad batch di Ana Lily Amirpour. I premi per le migliori interpretazioni sono andati a Emma Stone (La La Land) e Oscar Martinez (El ciudadano ilustre).

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.