Frantz di Francois Ozon da oggi nelle sale

Da oggi nella sale italiana l’ultimo lavoro di Francois Ozon per ricordare il centenario delle battaglie della Prima guerra mondiale.


Ispirandosi ad una pièce del dopoguerra di Maurice Rostand portata al cinema da Ernst Lubitsch, Frantz racconta il tentativo di un francese di entrare nelle case, e idealmente nelle trincee, dell’ex nemico tedesco. Tutto ha inizio nel 1919, la guerra è finita da pochi mesi. In una piccola cittadina una ragazza di vent’anni, Anna, recatasi al cimitero, incontra  un francese venuto a rendere omaggio all’amico conosciuto a Parigi prima della guerra. Anna vive una quotidianità di vedova inconsolabile, pur non avendo mai sposato il suo fidanzato morto in guerra. Questa sua quotidianità verrà messa a dura prova  dal nuovo venuto verso cui nutrirà una profonda passione. Ovviamente non è la storia d’amore in sé a reggere il film, ma anche quel senso di perdita e di colpa che pervade chi è sopravvissuto alla Guerra e alla sua crudeltà. come se Ozon volesse in qualche modo sottolineare quanto il dolore non sia soltanto dovuto alla perdita in sé stessa quanto a quello che lascia dietro di sé. La pellicola girata volutamente in bianco e nero, mette in risalto questo stato d’animo sofferente e ingrigito dalla sofferenza.

loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *