Rassegna stampa dal mondo del 9 ottobre

In primo piano le vittime uragano Matthew e gli scandali Trump.

La rassegna stampa dal mondo del 9 ottobre 2016.

Rassegna stampa

Uragano Matthew

Più di 140 persone sono morte in un attacco aereo saudita a Sanaa, in Yemen.L’offensiva ha colpito la celebrazione di un funerale cui partecipavano ufficiali militari dei ribelli sciiti houthi insieme a sostenitori dell’ex presidente Ali Abdullah Saleh. Secondo fonti mediche, oltre ai morti ci sarebbero più di 520 feriti. Si tratta di uno degli attacchi più sanguinosi dall’inizio della guerra civile, in cui i ribelli combattono contro il governo del presidente Abed Rabbo Mansour Hadi. L’Arabia Saudita ha dichiarato che aprirà un’inchiesta sull’attacco.

Gli Stati Uniti accusano formalmente la Russia di aver condotto attacchi informatici contro il Partito democratico. Il 7 ottobre gli Stati Uniti hanno attribuito al Cremlino la responsabilità degli attacchi informatici alle organizzazioni del Partito democratico, con lo scopo di interferire nella competizione elettorale tra Hillary Clinton e Donald Trump. Secondo il viceministro degli esteri russo Sergei Ryabkov, le accuse statunitensi sono infondate e mirano a far crescere il sentimento antirusso in vista delle elezioni.

L’uragano Matthew è arrivato negli Stati Uniti, il bilancio delle vittime sale a 877. L’uragano è stato declassato a categoria uno e ha raggiunto il South Carolina dopo aver colpito la Florida, dove sono morte quattro persone. Oltre un milione e mezzo di case sono senza elettricità e 22mila persone sono state costrette a lasciare le loro abitazioni. Intanto il bilancio delle vittime ad Haiti è raddoppiato ed è destinato a salire quando arriveranno dati dalle zone più remote. Secondo fonti governative e dell’Onu, circa 350mila persone hanno bisogno di assistenza.

In Bangladesh le forze di sicurezza uccidono 11 militanti islamici. Le vittime sarebbero membri del gruppo Jamaat-ul-mujahideen Bangladesh (Jmb), responsabile secondo la polizia dell’esplosione avvenuta lo scorso luglio in un ristorante a Dhaka, dove avevano perso la vita ventidue persone. I componenti del commando che ha compiuto l’attentato sono stati uccisi l’8 ottobre in uno scontro a fuoco durato più di tre ore nella periferia della capitale.

Il partito islamista Giustizia e sviluppo (Pjd) ha vinto le elezioni legislative in Marocco. Con il 90 per cento dei seggi scrutinati, il partito del primo ministro Abdelilah Benkirane ha ottenuto 99 seggi, contro gli 80 del Partito autenticità e modernità (Pam) e 31 del partito conservatore Istiqlal. Sono state le seconde elezioni legislative dopo le riforme costituzionali adottate dal paese nel 2011. Il partito al governo ha dichiarato che il secondo mandato permetterà di portare avanti il programma di riforme economiche e sociali.

In Giappone erutta il vulcano del Monte Aso, nessun ferito. L’eruzione è avvenuta nella mattina dell’8 ottobre sulla cima del vulcano alto 1,592 metri sull’isola meridionale di Kyushu. Il getto di ceneri ha causato alcuni danni nel raggio di quattro chilometri dal vulcano, costringendo le popolazioni limitrofe ad abbandonare le proprie case. Fonti di polizia della prefettura di Kumamoto hanno confermato che non ci sono stati feriti. Si tratta della prima “eruzione esplosiva” del vulcano dal gennaio del 1980.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *