Rassegna stampa dal mondo del 12 ottobre

In primo piano ancora bombardamenti ad Aleppo e le Presidenziali in USA.

La rassegna stampa di oggi da tutto il mondo.

Rassegna stampa

Bombardata Aleppo

Sono ripresi i bombardamenti su Aleppo. Dopo alcuni giorni di relativa calma, l’11 ottobre sono ricominciati i raid aerei russi sulla parte della città siriana controllata dai ribelli, in particolare sui quartieri di Bustan al Qasr e Fardous, vicino alla Cittadella. Le vittime dei bombardamenti sono almeno 25, denuncia l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Secondo le testimonianze degli abitanti di Aleppo sono stati colpiti anche un centro medico e un parco giochi.

Gli Stati Uniti sono al lavoro per inviare degli astronauti su Marte a partire dal 2030. L’ha annunciato il presidente Barack Obama, in un articolo pubblicato su Usa Today. Obama ha spiegato che la Nasa collaborerà con delle aziende private. Non è la prima volta che questa ipotesi viene fatta. Il mese scorso Elon Musk, fondatore dell’azienda aerospaziale SpaceX, ha ipotizzato di creare una base spaziale su Marte.

L’Italia ha comunicato ufficialmente il ritiro della candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024. Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’ha comunicato con una lettera al Comitato olimpico internazionale. A questo punto è ufficiale che la capitale non si proporrà per ospitare i giochi del 2024.

Vladimir Putin rimanda la visita a Parigi. L’incontro del presidente russo con quello francese François Hollande era previsto per il 19 ottobre, ma è stato posticipato dopo che Hollande ha fatto sapere di essere disponibile solo per discutere della Siria. Alcuni giorni prima il presidente francese aveva detto di voler cancellare la visita dopo che l’8 ottobre al Consiglio di sicurezza dell’Onu la Russia ha messo il veto a una bozza di risoluzione francese che avrebbe chiesto la fine dei bombardamenti su Aleppo.

Cominceranno il 27 ottobre i colloqui di pace tra la Colombia e l’Esercito di liberazione nazionale (Eln). I circa tremila guerriglieri dell’Eln formano il secondo gruppo di ribelli nel paese, dopo le Farc. L’inizio ufficiale dei negoziati, che avranno luogo a Quito, in Ecuador, è il frutto di tre anni di colloqui informali tra i rappresentanti delle due parti.

In Australia l’opposizione chiede il voto in parlamento sui matrimoni omosessuali. I deputati dell’opposizione hanno dichiarato che bloccheranno il progetto del premier Malcolm Turnbull di fare un referendum sui matrimoni tra persone dello stesso sesso. Il partito laburista, a favore dei matrimoni gay, vorrebbe che la riforma venisse approvata subito dal parlamento perché teme che un dibattito sulla questione possa nuocere alla comunità lgbt australiana.

L’Etiopia accusa l’Egitto e l’Eritrea di alimentare le proteste contro Addis Abeba. Le manifestazioni hanno spinto il governo di Addis Abeba a proclamare lo stato d’emergenza per sei mesi. Il ministro delle comunicazioni etiope Getachew Reda ha dichiarato: “Ci sono paesi direttamente coinvolti nell’armare, finanziare e addestrare questi elementi”. Getachew si riferiva ai manifestanti oromo e amhara, che protestano contro la marginalizzazione dei rappresentanti di questi gruppi.

Potrebbe essere decisa questa settimana la messa al bando degli idrofluorocarburi. La conferenza delle parti del Protocollo di Montreal, riunita a Kigali, in Rwanda, potrebbe stabilire una fine graduale della loro produzione. Gli idrofluorocarburi sono usati nei condizionatori, nei frigoriferi e in altri dispositivi, nei quali hanno sostituito i clorofluorocarburi, accusati di creare il buco dell’ozono in Antartide. Tuttavia questi gas contribuiscono al cambiamento climatico.

I Depeche Mode hanno annunciato un nuovo album e un nuovo tour. La band britannica nella primavera del 2017 pubblicherà il nuovo disco Spirit, che è stato prodotto da James Ford dei Simian Mobile Disco. L’anno prossimo il gruppo andrà anche in tour e farà tre concerti in Italia: il 25 giugno allo stadio Olimpico di Roma, il 27 giugno allo stadio San Siro di Milano e il 29 giugno allo stadio Dall’Ara di Bologna.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *