Rassegna stampa dal mondo del 16 ottobre

In primo piano vertice di Losanna, nuovi attacchi a Baghdad.

La rassegna stampa dal mondo del 16 ottobre 2016.

Rassegna stampa

Emissioni fluorocarburi

Il vertice di Losanna sulla Siria si conclude con un nulla di fatto. Il segretario di stato Usa John Kerry ha incontrato il 15 ottobre a Losanna il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov e i rappresentanti di altri paesi dell’area con l’obbiettivo di trovare una soluzione al conflitto in Siria. I colloqui non hanno portato ad un risultato tangibile, ma sia Russia sia Usa hanno parlato di un “ampio consenso” su una serie di punti importanti. Oggi John Kerry sarà a Londra per incontrare i ministri degli esteri francese e tedesco.

Cinquantacinque persone sono morte in tre attacchi a Baghdad.Un’autobomba è esplosa la mattina del 15 ottobre durante celebrazioni religiose sciite a nord della capitale irachena, uccidendo 41 persone e ferendone 33. Il gruppo jihadista Stato islamico (Is) ha rivendicato l’attacco in un comunicato. Otto poliziotti e tre civili sono morti in altri due attacchi, sempre a nord di Baghdad, avvenuti mentre le forze di sicurezza irachene si preparano a riconquistare la città settentrionale di Mosul, attualmente controllata dai jihadisti.

Milizie antigovernative tentano un colpo di stato in Libia. A Tripoli c’è stato un tentativo di rovesciare il governo di unità nazionale (Gna), nato sotto l’egida delle Nazioni Unite. Nella notte del 14 ottobre, le milizie guidate dall’ex primo ministro Khalifa al Ghwell hanno preso possesso del Rixos hotel, sede del consiglio presidenziale del Gna, insieme ad alcuni ministeri, edifici amministrativi e una sede televisiva. La presidenza del Gna ha ordinato l’arresto dei golpisti.

Più di 150 paesi hanno firmato l’accordo per ridurre le emissioni di idrofluorocarburi (hfc). L’accordo, raggiunto il 15 ottobre a Kigali, in Ruanda, prevede una progressiva limitazione dell’uso degli idrofluorocarburi a partire dal 2019. Gli hfc, potenti gas utilizzati nei freezer e nei condizioni d’aria, sono tra i maggiori responsabili dell’effetto serra. L’emendamento al protocollo di Montréal prevede una limitazione del 10 per cento delle emissioni a partire dal 2019 per i paesi industrializzati e dal 2024 per i paesi in via di sviluppo.

Un operatore umanitario statunitense è stato rapito in Niger. Uomini armatihanno sequestrato l’uomo davanti alla sua abitazione ad Abalak, nella regione Tahoua. Gli assalitori hanno ucciso la guardia del corpo dell’uomo e un poliziotto prima di fuggire a nord, in direzione del Mali. Non ci sono ancora state rivendicazioni del rapimento. Le autorità nigerine hanno disposto una presenza militare lungo il confine per rintracciare l’uomo. Il dipartimento di stato statunitense sta indagando sull’accaduto.

Almeno 19 pellegrini indù sono morti nella calca a Varanasi, in India.L’incidente è avvenuto il 15 ottobre mentre centinaia di pellegrini stavano attraversando un ponte per raggiungere un luogo sacro dell’induismo in una delle città più antiche del mondo, nel nord dell’India. Varanasi è la destinazione di milioni di pellegrini, che ogni anno si recano nella città per pregare e immergersi nel fiume Gange. Secondo la polizia, a scatenare il panico sarebbe stata la paura di un imminente crollo del ponte.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.
loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *