Rassegna stampa dal mondo del 12 novembre

Ancora proteste contro Trump negli Stati Uniti, anche Juncker lo attacca.

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Rassegna stampa

Proteste contro Trump

Le truppe irachene avanzano in un nuovo quartiere di Mosul. L’11 novembre le forze speciali del governo di Baghdad sono entrate nel quartiere di Qadisiya, mentre le truppe regolari hanno preso il controllo quasi completo del quartiere di Intisar. L’offensiva per strappare la città del nord del paese al gruppo Stato islamico (Is) è cominciata il 17 ottobre. Intanto le Nazioni Unite hanno raccolto nuove prove dell’uso di armi chimiche da parte dei jihadisti. Secondo la Bbc, i miliziani dell’Is hanno ucciso quaranta civili, accusati di tradimento, lasciando pendere i loro corpi dai pali dell’elettricità.

In Afghanistan un’esplosione ha colpito la base Nato di Bagram. La bomba è esplosa all’alba del 12 novembre nella base aerea a nord della capitale Kabul, provocando quattro morti e circa quattordici feriti. Il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha rivendicato l’attacco con un messaggio su Twitter. L’attentato segue un attacco suicida avvenuto il 10 novembre contro il consolato tedesco nella città di Mazar-i-Sharif, in cui quattro persone sono morte e più di cento sono rimaste ferite.

Il consiglio esecutivo del Fondo monetario internazionale approva il prestito all’Egitto. La sera dell’11 novembre è stato dato il via libera a un un piano di aiuti da 12 miliardi di dollari, da erogare in tre anni. La settimana prossima gli egiziani riceveranno i primi 2,75 miliardi di dollari. Per ottenerli Il Cairo aveva messo in atto delle riforme economiche che hanno colpito le fasce più povere della popolazione. Nei giorni scorsi era stato diffuso sui social network un appello a scendere in piazza contro il governo, ma non ha avuto molto seguito.

Giappone e India firmano un accordo sul nucleare civile. L’11 novembre a Tokyo Shinzō Abe e Narendra Modi hanno sottoscritto un accordo che permetterà alle aziende giapponesi di esportare tecnologie nucleari in India, paese dotato dell’arma atomica e che non ha firmato il trattato di non proliferazione. L’accordo tra i due paesi, che è stato criticato, decadrà se New Delhi riprenderà i test nucleari.

Arrestato il presidente del consiglio di amministrazione del quotidiano turco Cumhuriyet. Akin Atalay, presidente del consiglio di amministrazione del quotidiano di opposizione, è stato arrestato all’aeroporto Atatürk di Istanbul, dove era appena arrivato dalla Germania. Il 31 ottobre erano stati arrestati altri nove dipendenti di Cumhuriyet nel giro di vite legato al tentato golpe dello scorso luglio. Intanto nel sudest del paese un alto funzionario pubblico è morto per le ferite riportate in un attentato il 10 novembre.

È morto l’attore statunitense Robert Vaughn. L’uomo che ha interpretatol’agente segreto Napoleon Solo nella serie tv The Man from UNCLE è morto la mattina dell’11 novembre a New York all’età di 83 anni dopo una lunga lotta contro la leucemia. Vaughn era anche conosciuto per il suo ruolo di Lee ne I magnifici sette.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *