Rassegna stampa dal mondo del 13 dicembre

In primo piano le dimissioni di Muraro a Roma, le nominations ai Golden Globes.

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Rassegna stampa

Virginia Raggi e Paola Muraro

Il governo Gentiloni chiede la fiducia. Alle 20 del 12 dicembre il nuovo esecutivo guidato da Paolo Gentiloni ha prestato giuramento davanti al presidente Sergio Mattarella. Angelino Alfano è passato dal ministero dell’interno agli esteri, Marco Minniti è il nuovo responsabile del ministero dell’interno, Valeria Fedeli è la ministra dell’istruzione al posto di Stefania Giannini. L’ex ministra delle riforme Maria Elena Boschi è la nuova sottosegretaria alla presidenza del consiglio. Molti esponenti dell’ultimo governo hanno conservato i vecchi incarichi. L’esecutivo Gentiloni chiederà la fiducia alla camera alle 11, entro domani l’esecutivo chiederà la fiducia anche al senato.

L’assessora all’ambiente del comune di Roma si è dimessa. Paola Muraro si è dimessa dopo aver ricevuto un avviso di garanzia per presunte violazioni del testo unico ambientale. La notizia è stata annunciata dalla sindaca Virginia Raggi, al termine di una lunga riunione di maggioranza.

Il congresso negli Stati Uniti indagherà sugli attacchi informatici russi. Il parlamento ha annunciato un’inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni americane. Il presidente eletto Donald Trump nega che la Russia possa essere intervenuta con degli attacchi informatici negli Stati Uniti che avrebbero aiutato il candidato repubblicano a vincere le elezioni presidenziali contro Hillary Clinton.

Il Venezuela chiude la frontiera con la Colombia. Per 72 ore il confine tra i due paesi rimarrà chiuso. Il presidente Nicolás Maduro ha detto che l’intento è quello di combattere i gruppi criminali al confine, che si occupano di contrabbando e che, secondo il presidente, danneggiano l’economia del paese.

Un attentato suicida nella cattedrale copta del Cairo provoca 25 morti e 49 feriti. L’esplosione è avvenuta intorno alle 10 ora locale dell’11 dicembre. Il governo ha dichiarato che sono stati arrestate quattro persone coinvolte nell’attacco, che non è ancora stato rivendicato. Il governo ha indetto tre giorni di lutto nazionale. Il 10 dicembre sei poliziotti sono stati uccisi in un’esplosione su una delle strade principali che portano alle piramidi di Giza.

Larga vittoria del partito socialdemocratico alle elezioni in Romania. I risultati praticamente definitivi vedono il partito socialdemocratico (Psd) intorno al 45 per cento, mentre il partito liberale si attesta intorno al 20 per cento. Con circa l’11 per cento dei suffragi entra in parlamento anche l’Unione per salvare la Romania, nuova formazione che si prefigge di combattere la corruzione.

In Macedonia i nazionalisti leggermente in testa. Secondo i risultati quasi definitivi delle elezioni generali dell’11 dicembre il Partito democratico per l’unità macedone (destra conservatrice) ha ottenuto il 38 per cento dei voti e l’Unione socialdemocratica di Macedonia il 36,7 per cento delle preferenze. I sostenitori di entrambi i partiti hanno rivendicato la vittoria, ma al momento della ripartizione dei seggi le due formazioni potrebbero avere lo stesso numero di deputati.

In Algeria un giornalista è morto dopo sei mesi di sciopero della fame.Mohamed Tamalt, reporter britannico algerino, aveva cominciato la sua protesta a giugno, dopo essere stato arrestato per aver pubblicato articoli critici nei confronti del presidente algerino Abdelaziz Bouteflika. Tamalt, blogger e giornalista freelance di 42 anni, è deceduto in seguito a un’infezione polmonare. L’organizzazione Reporter senza frontiere ha chiesto l’apertura di un’inchiesta sulla sua morte.

Pubblicate le nomination ai Golden globes 2017. La la land con sette candidature, guida la classifica dei film con più nomination ai premi assegnati dalla stampa straniera di Hollywood. Il musical di Damien Chazelle è in corsa come miglior commedia. Tra i film drammatici quello con più nomination è Moonlight, scritto e diretto da Barry Jenkins, con sei candidature. Sul versante televisivo, lo show con più nomination è The people vs. O.J. Simpson, in corsa per cinque premi, seguito dalla miniserie The night manager, con quattro. Il network più nominato è Hbo con 14 candidature, seguito da Fx con dieci. La cerimonia di consegna dei Golden globes si svolgerà l’8 gennaio 2017.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *