Rassegna stampa dal mondo del 17 dicembre

In primo piano l’evacuazione di Aleppo e lo scandalo al Comune di Roma.

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Rassegna stampa

Evacuazione di Aleppo

Sospeso il trasferimento di civili e ribelli da Aleppo est. Il governo siriano ha accusato i combattenti dell’opposizione di avere violato gli accordi sul cessate il fuoco. Più di tremila persone erano riuscite a lasciare la parte di città controllata dai ribelli. Le operazioni erano state sospese anche il 14 dicembre perché il governo aveva chiesto che fossero portati via anche i soldati feriti dell’esercito. La Francia ha chiesto una riunione d’urgenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu, che nei giorni scorsi ha denunciato atrocità contro i civili da parte delle truppe governative. Nelle scorse ore c’è stata una forte esplosione di fronte a un commissariato a Damasco. Secondo i mezzi d’informazione siriani, l’attacco è stato compiuto da una bambina che si è fatta esplodere con una cintura esplosiva.

La Cina accusata di aver confiscato un drone statunitense nel mar Cinese meridionale. Il Pentagono ha dichiarato che una nave da guerra di Pechino ha sequestrato un drone che stava raccogliendo informazioni sulle acque. La spedizione con il drone faceva parte di un programma riservato di studi sugli oceani, ha dichiarato un portavoce del Pentagono. Washington ha chiesto formalmente alla Cina di riconsegnare il drone. Questo è solo l’ultimo di una serie di episodi che documentano una tensione tra i due paesi nell’area del mar Cinese meridionale.

Il capo del personale del comune di Roma Raffaele Marra è stato arrestato con l’accusa di corruzione. L’inchiesta riguarda la compravendita delle case Enasarco e risale al 2013, periodo in cui Marra era a capo del dipartimento politiche abitative del comune. In una conferenza stampa, la sindaca Virginia Raggi ha dichiarato che Marra è solo un “dipendente che sarà sostituito”, ma l’opposizione chiede le sue dimissioni. Intanto, a Milano, il sindaco Beppe Sala è indagato e si è autosospeso. L’ex amministratore delegato di Expo 2015 è sotto inchiesta della procura generale di Milano per falso per presunte irregolarità nell’assegnazione della “Piastra dei servizi”, l’appalto più importante dell’esposizione universale.

Donald Trump ha scelto David Friedman come nuovo ambasciatore in Israele. Nella sua prima dichiarazione, il futuro diplomatico si è detto a favore del criticato spostamento dell’ambasciata statunitense “nella capitale eterna di Israele, Gerusalemme”, confermando l’intenzione del presidente eletto di spostare la sede diplomatica da Tel Aviv. Friedman è vicino alle posizioni di estrema destra e non si oppone alla costruzione di insediamenti israeliani nei Territori occupati.

L’Italia condannata per aver detenuto illegalmente dei migranti. La Corte europea dei diritti dell’uomo ha sanzionato l’Italia per una vicenda avvenuta nel 2011, quando era ministro dell’interno Roberto Maroni. Le autorità hanno rinchiuso per quattro giorni in un centro accoglienza a Lampedusa e su alcune navi militari un gruppo di migranti tunisini senza l’autorizzazione della magistratura e li hanno in seguito espulsi dal paese.

Facebook testerà nei prossimi giorni uno strumento per segnalare le notizie false. L’azienda metterà a disposizione degli utenti un pulsante per indicare post ritenuti falsi. Giornalisti di varie organizzazioni valuteranno queste segnalazioni. Se le storie non saranno ritenute vere, o verificabili, saranno linkate ad articoli che spiegheranno i motivi delle scelte.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *