Rassegna stampa dal mondo del 18 dicembre

In primo piano l’emergenza Aleppo.

La rassegna stampa con le notizie di oggi da tutto il mondo.

Rassegna stampa

Evacuazione Aleppo – Foto Reuters

È stato raggiunto un nuovo accordo per il trasferimento di civili da Aleppo est. L’accordo prevede, oltre alla liberazione dei villaggi sciiti di al Foua e Kefraya attualmente sotto il controllo dei ribelli, il trasferimento di feriti dai villaggi di Madaya e Zabadani al confine con il Libano e il completamento dell’evacuazione delle zone di Aleppo sotto il controllo dei ribelli. L’accordo era stato sospeso il 16 dicembre in seguito al blocco da parte delle milizie filogovernative di un convoglio di civili in uscita da Aleppo.

Almeno trenta soldati sono morti in un attacco suicida in Yemen. L’esplosione è avvenuta il 18 dicembre nella città portuale di Aden, mentre i soldati erano in fila per ritirare il loro salario nella base militare del distretto di Khor Maksar. Oltre ai trenta morti, circa quaranta soldati sono stati feriti. Aden è la capitale temporanea del governo yemenita in esilio in Arabia Saudita da marzo 2015, dopo che la maggioranza houthi ha preso il controllo della capitale Sanaa.

La Cina restituirà il drone statunitense confiscato nel mar Cinese meridionale. Il 16 dicembre il Pentagono ha accusato la Cina di aver confiscato un drone che stava raccogliendo informazioni sulle acque. La spedizione con il drone faceva parte di un programma riservato di studi sugli oceani, ha dichiarato un portavoce del Pentagono. Washington ha chiesto formalmente alla Cina di riconsegnare il drone. Il 17 dicembre il ministero della difesa cinese ha comunicato che restituirà il drone e ha criticato gli Stati Uniti per aver creato un’attenzione mediatica esagerata sulla questione.

In Polonia il parlamento è stato bloccato da proteste contro la limitazione della libertà di stampa. Migliaia di polacchi hanno protestato di fronte al parlamento di Varsavia nelle prime ore del 17 dicembre, in seguito al richiamo dei parlamentari dell’opposizione contro provvedimenti del governo mirati a limitare il numero di giornalisti ammessi a coprire i lavori parlamentari. La protesta ha ritardato il voto sulla legge di bilancio, approvata poi fuori dall’aula e da un numero più ristretto di parlamentari. I parlamentari del partito di opposizione Piattaforma civica (Po) hanno occupato a turni i loro banchi nell’aula plenaria e hanno chiamato i cittadini a continuare le proteste nei prossimi giorni.

Un terremoto di magnitudo 7.9 ha colpito la Papua Nuova Guinea. Il terremotoè avvenuto alle 11,51 (ora italiana) del 17 dicembre con epicentro a 73 chilometri di profondità nella provincia della Nuova Irlanda. Le zone costiere del paese sono state evacuate per precauzione in vista di eventuali onde tsunami. A poche ore dalla scossa il Centro di allerta tsunami del Pacifico ha ridimensionato l’allerta inizialmente estesa alle coste dell’Indonesia e delle Isole Solomon.

E’ morto Henry Heimlich, inventore della tecnica di primo soccorso per evitare il soffocamento. Il dottor Heimlich è morto in seguito ad un attacco cardiaco il 17 dicembre a Cincinnati, in Ohio. Aveva 96 anni. Nel 1974 aveva inventato la manovra di primo soccorso per rimuovere un’ostruzione delle vie aeree. Si stima che dalla sua introduzione la tecnica abbia salvato la vita di più di centomila persone solo negli Stati Uniti.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *