Pillole Indie #58: Hubris

Hubris

Piattaforme: Steam, Ps4, Ps5
Developer: Cyborn
Publisher: Cyborn
Data d’uscita: 07/12/2022
Genere: Avventura, Sparatutto
Versione testata: Steam

Hubris promette un’esperienza di gioco coinvolgente all’interno di mondi alieni ricchi di azione, avventura e misteri. Tuttavia, dietro l’abbagliante presentazione visiva e l’ampio set di funzionalità, il gioco sembra soffrire di alcune carenze che compromettono l’esperienza complessiva.

Il giocatore inizia come un neofita cadetto dell'”Order of Objectivity“, lanciato in un’avventura intergalattica senza molti dettagli narrativi iniziali. L’ambientazione aliena e il mistero teorico che si dispiega durante le 5-6 campagne successive, pur offrendo un’esperienza interessante, presenta dei difetti. La storia, sebbene strutturata per far progredire il gioco, risulta piuttosto piatta, priva di profondità emotiva e incentrata più sulle missioni che sull’intrigo.

Il gameplay, una combinazione di combattimenti diretti e sezioni di platforming, presenta una discrepanza nella qualità delle meccaniche. Se da un lato l’inclusione di sezioni subacquee risulta soddisfacente, dall’altro le meccaniche di salto e arrampicata risultano inconsistenti e poco realistiche, compromettendo l’immersione del giocatore.

La componente shooting, essenziale nel cuore di Hubris, pecca nella varietà di nemici e nell’intelligenza artificiale. I combattimenti, sebbene in alcuni casi divertenti, sembrano rimandare a esperienze videoludiche già viste, e la mancanza di elementi creativi come granate o droni penalizza l’esperienza, rendendola piuttosto monodimensionale.

Anche il sistema di crafting, seppur soddisfacente, si scontra con un’esperienza di gioco non all’altezza nelle fasi di combattimento. La lentezza nel migliorare le armi e la mancanza di un’ampia varietà di armamenti rendono il processo poco gratificante.

Visivamente, Hubris brilla con scenari coinvolgenti e dettagliati, tuttavia, la sensazione di immersione è compromessa da altri elementi del gioco. La presenza di glitch e problemi tecnici, sebbene non game-breaking, offusca l’esperienza di gioco.

La guida costante di un AI, se inizialmente utile, si trasforma in un elemento fastidioso che priva il giocatore della libertà di esplorazione e scoperta, rendendo la narrativa meno coinvolgente di quanto potrebbe essere.

In Sintesi

Hubris offre un’esperienza visiva e concettuale promettente, ma le lacune nelle meccaniche di gioco, nell’intelligenza artificiale e nella narrazione limitano la sua capacità di fornire un’esperienza soddisfacente e coinvolgente. Sebbene presenti aspetti positivi, il gioco appare come un’opportunità mancata di realizzare appieno il suo potenziale.”

Voto: 6

Pro:

  • Ottimo stile grafico
  • Buona direzione artistica

✘ Contro:

  • Presenza di glitch
  • Meccanica da rivedere

Ti è piaciuto il nostro articolo? Dà un’occhiata alla nostra rubrica Pillole Indie! Leggi anche:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.