19 Settembre 2020
Love me gender laF

Giornata Mondiale dell’orgoglio LGBT, su laF programmazione speciale

Annunci

Alla vigilia dellaGiornata Mondiale dell’orgoglio LGBT, anniversario dei moti di Stonewall del giugno 1969 che diedero origine al movimento di liberazione gay, laF(Sky 135) nella serata di sabato 27 giugno dedica una programmazione speciale al tema, con una produzione originale laF e un documentario d’autore per raccontare le evoluzioni e le contraddizioni della società italiana contemporanea

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Si inizia alle ore 21.15 con la produzione originale laF “LOVE ME GENDER” con Chiara Francini che gira l’Italia da Nord a Sud per incontrare persone, coppie e famiglie e raccontare come cambiano le relazioni ai tempi della“gender equality”.

In questa puntata, dedicata al tema della felicità, Chiara Francini raccoglie le storie di quattro persone che per realizzare se stesse hanno dovuto fare i conti con il cambiamento: Stefanocrossdresser di Milano, sposato e padre di una bambina, a cui piace vestirsi da donna pur rimanendo un maschio eterosessuale; Gianmarco, un avvocato che qualche anno fa ha iniziato il suo percorso di transizione da donna a uomo e oggi diventato primo sindaco transgender d’Italia a Tromello; infine, Samantha e Massimo, una coppia switch di Roma, nella quale entrambi hanno vissuto la transizione da un sesso all’altro. 

A seguire, alle ore 22.15, il documentario “DICKTATORSHIP – FALLO E BASTA!” di Gustav Hofer e Luca Ragazzi (Italia, 2019. 90’): il viaggio di Gustav e Luca – coppia nella vita e nel lavoro da oltre 20 anni – nella cultura maschilista e sessista dell’Italia di oggi.

laF_Dicktatorship.Fallo-e-basta! su laF

Tra integralisti cattolici, improbabili raduni per “uomini veri” ed esperimenti scientifici, i due provano a orientarsi nell’intricato mondo dei rapporti di potere tra uomo e donna, accompagnandoci in un viaggio alla ricerca delle radici del maschilismo.