Pillole Indie #26: The Skylia Prophecy

The Skylia Prophecy

The Skylia Prophecy

  • Piattaforme: Nintendo Switch, PS4, XBOX One, XBOX Series
  • Developer: 7 Raven Studios
  • Publisher: Totalconsole
  • Data d’uscita: 23/4/2021
  • Genere: Azione, Arcade, Metroidvania, Platform
  • Versione testata: Nintendo Switch (lite)

The Skylia Prophecy ci presenta Mirenia, una guerriera che combatte contro un mondo di pieno di mostri in cerca di redenzione, pronta a tutto per salvare il suo popolo. Sviluppato dalla 7 Raven Studios e pubblicato dall’azienda Totalconsole questo titolo è un insieme di azione, divertimento e rabbia.

Tutto ha inizio dalla profezia di uno stregone chiamato Fhprsyt, essa racconta di una giovane ragazza che avrebbe conquistato e governato i demoni delle terre. Dopo una guerra durata nove anni, combattuta tra umani e mostri, i primi vinsero e riuscirono ad imprigionare il comandante delle forze nemiche, decidendo però di non ucciderlo. Gli anziani sostenevano che eliminandolo i demoni avrebbero perso il controllo andando alla ricerca di un nuovo sovrano anche più forte di quello precedente. È ciò che successe quando la giovane protagonista che interpreteremo, Mirenia, all’età di quindici anni decise di affrontarlo e ucciderlo. Ma ciò che successe dopo diede ragione agli anziani ed i demoni si ribellarono attaccando i vari villaggi.

Dopo tre anni dall’accaduto la ragazza prova a redimersi e inizia il suo viaggio con la sua fidata arma, una lama scudo, e andrà tra villaggi, paludi e dungeon per sconfiggere i vari mostri che si ritroverà di fronte.

Il titolo è a scorrimento orizzontale con una grafica basata su pixel art 2D, con colori vividi e disegni ben delineati nonostante il tipo grafica che può confondere i giocatori meno abituati. I mostri hanno tratti ben specifici e sono tra loro molto diversificati, oltre che per le loro abilità anche per il loro aspetto esteriore.

L’avventura in The Skylia Prophecy parte da un piccolo villaggio dove faremo un tutorial, qui inizieremo ad avere confidenza con la nostra arma, una spada scudo. Oltre all’arma avremo la possibilità di acquisire altre abilità, che potranno essere usate tramite il mana. Dovremo tener contro di tre statistiche principali: mana (massimo 10 punti), vita (massimo 20 punti) e forza (massimo 5 punti). Tutte e tre potranno essere potenziate ma non sapremo mai quando, una volta ucciso un nemico acquisiremo punti esperienza che poi andranno ad accumularsi per aumentare le statistiche ma non ci verrà mai detto quando.

Il titolo non salverà i dati in automatico, saremo a dover catturare una fiamma situata nella mano di una statua angelica: una volta morti ritorneremo alla statua e saremo costretti ad uccidere gli stessi mostri che abbiamo affrontato precedentemente, anche i potenziamenti verranno resettati all’ultimo salvataggio.

Nei villaggi ci saranno vari personaggi, alcuni che non ci diranno niente di importante, altri ci daranno dei regali, altri invece ci permetteranno di acquistare oggetti, oppure di dirci il numero di avversari uccisi e tempo di gioco e molti altri di cui parleremo successivamente.

Nella locanda acquisteremo oggetti fondamentali per il gioco. Le scelte di acquisto sono cinque:

  • la pozione della vita che curerà completamente i nostri HP;
  • la pozione di mana che ripristinerà completamente il nostro, appunto, mana;
  • l’astralizer che ci permetterà di diventare temporaneamente invincibili;
  • la chiave base che si potrà usare una sola volta per aprire determinate porte;
  • l’elisir della rinascita che ci farà tornare in vita una sola volta quando verremo uccisi.

Un altro personaggio fondamentale che troveremo è l’infermiera, che ripristinerà la nostra vita e con un supplemento anche il mana.

Troveremo anche uno strano demone dalle fattezze femminili. Qualora dovessimo affrontare un boss o aprire una porta in assenza di chiave ci chiederà se vorremmo una pozione o la stessa chiave per proseguire, ma ci chiederà per fare ciò un compenso in futuro: sarà a discrezione del giocatore decidere se accettare o rifiutare la proposta.

Un ultimo NPC che conterà nella storia ci darà delle missioni da completare per ricevere del denaro, si potrà sbloccare una missione alla volta e senza completarla non si potrà proseguire con esse.

Durante lo svolgimento della storia acquisiremo anche delle chiavi, la cui medaglia raffigura le porte che può aprire, senza di esse alcune porte saranno impossibilitate da aprire.

Il comparto sonoro è di buona fattura, le colonne sonore sono di ottima qualità e ben si adeguano all’atmosfera oscura del viaggio intrapreso da Mirenia. Oltre a questo i personaggi non hanno voce ma si esprimono a piccoli mugugni.

La localizzazione è in italiano, ma alcuni dialoghi non sono tradotti correttamente. Oltre alla lingua citata saranno presenti anche: inglese, spagnolo, tedesco, francese e portoghese.

In Sintesi 

The Skylia Prophecy è un platform che ci metterà nei panni di una giovane guerriera che vorrà redimersi da un errore commesso in passato. Il titolo è caldamente consigliato a coloro che vogliono affrontare un livello di difficoltà sempre più crescente. 

Voto: 7

 Pro:

  • Ottimi controlli 
  • Trama interessante 
  • Comparto sonoro curato

✘ Contro:

  • Mappa assente
  • Un solo slot di salvataggio

Ti è piaciuto il nostro articolo? Dà un’occhiata alla nostra rubrica Pillole Indie! Leggi anche:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.