Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Resident Evil: le prime foto ufficiali del reboot cinematografico

Annunci

Ecco le prime immagini ufficiali del reboot cinematografico di Resident Evil

Arrivano in esclusiva da IGN le prime foto ufficiali di Resident Evil: Welcome to Raccoon City, il nuovo reboot cinematografico basato sul popolare franchise di videogiochi horror, la cui uscita in sala è prevista per il 24 novembre 2021.

Il progetto adatterà le vicende dei primi due videogiochi raccontando parallelamente gli eventi avvenuti in Villa Spencer e il contagio di Raccoon City. Nelle foto possiamo finalmente vedere i protagonisti Leon S. Kennedy (Avan Jogia(, Claire Redfield (Kaya Scodelario) , Albert Wesker (Tom Hopper), Jill Valentine (Hannah John-Kamen), e Chris Redfield (Robbie Amell), ma anche ad una delle iconiche creature del franchise, l’inquietante Lisa Trevor (Marina Mazepa).

Il resto del cast, di cui al momento non sono state rese note le foto, comprende anche Nathan Dales nel ruolo di Brad Vickers, e Neal McDonough in quello di William Birkin.

In merito al ruolo di Lisa Trevor nel film, il regista e sceneggiatore Johannes Roberts. ha svelato ai microfoni di IGN quanto segue:

Lisa Trevor gioca un ruolo fondamentale nel film. Mi ha sempre affascinato il suo personaggio, fin da quando ho giocato il remake del primo gioco. Trovavo Lisa inquietante, ma al tempo stesso stranamente ossessionante. Quando abbiamo cominciato a discutere sul modo di portare in vita la trama, lei è stata uno degli elementi che ho voluto con più forza, anche perché non è mai stata mostrata in altri film della serie Resident Evil. La volevo rendere reale, tridimensionale, non solo uno spettro spaventoso. Abbiamo dato il compito di portarla sullo schermo a Marina Mazepa, che aveva appena lavorato a Malignant con Kames Wan, e ci siamo impegnati tantissimo per portare questo personaggio in vita, penso che gli spettatori la ameranno. È terrificante, ma anche tragica. Nel film, poi, la colleghiamo alla storia di Claire Redfield, partendo dall’orfanotrofio in cui Claire è cresciuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.