Inside eShop #2: cinque picchiaduro da provare su Switch

Annunci

Nel nuovo appuntamento di Inside eShop parliamo di cinque interessanti picchiaduro per Nintendo Switch.

“Inside eShop” è una rubrica che si pone l’obiettivo di gettare luce sulla gigantesca ludoteca digitale di Nintendo Switch, che puntualmente ogni giorno si arricchisce di nuove uscite.

Questo secondo appuntamento è dedicato in modo particolare al genere dei picchiaduro, sicuramente quello più ghiotto e giocatissimo sulla console ibrida di Nintendo, grazie anche alla ricchissima lista di titoli NeoGeo. Ma non saranno questi i titoli presi in analisi, bensì quelli più bistrattati che magari meriterebbero molta più attenzione.

Brawlout

Angry Mob Games ha fatto il suo ingresso su Nintendo Switch lo scorso anno con il particolarissimo Brawlout, un vero e proprio Smashlike colorato e composto da personaggi irriverenti e qualche guest star d’eccezione. Un titolo che rende piuttosto evidente le sue principali fondi di ispirazione per il suo gameplay, che riprende quelle della serie Smash Bros: un picchiaduro arena nel quale un gruppo di lottatori vengono gettati nella mischia con una telecamera in 2.5D. La principale differenza rispetto alla serie Smash Bros, consiste proprio nell’assenza di qualsiasi tipo di oggetto utile a facilitare l’eliminazione degli avversari, tutto si concentra esclusivamente sulla competizione e la miglior strategia da adottare negli scontri. E’ un gioco inoltre attivamente supportato dallo sviluppatore, che, a partire dal 21 Agosto pubblicherà il gioco anche su Playstation 4 e Xbox One.

Prezzo: 19,99 Euro

Phantom Breaker: Battle Grounds

Chiunque sia vissuto tra gli anni ’80 e ’90 dovrebbe seriamente tenere in considerazione il folle Phantom Breaker: Battle Grounds, picchiaduro a scorrimento in 2D che cala i giocatori nel ruolo di giovani guerrieri nipponici impegnati a fermare l’invasione messa in moto dal villain Phantom. Come i vecchi beat’em up a scorrimento di una volta, il sistema di combattimento permette di alternare tre tasti con combo leggere, medie e pesanti, ma il tutto viene infarcito da una componente parzialmente ruolistica che consiste nella scelta delle abilità da applicare sul proprio combattente, e un sistema di progressione nelle statistiche.

Il picchiaduro di MAGES inoltre tiene molto in considerazione il genere dei brawler, introdotto per la prima volta proprio da Smash Bros, e di conseguenza il risultato finale è un curioso ibrido di idee amalgamate piuttosto bene. Inoltre riteniamo che il prezzo sia davvero molto accessibile.

Prezzo: 7,99 Euro

One Strike

Può esistere un picchiaduro contenutisticamente minimale, ma comunque divertente al giusto prezzo? La risposta è si, e si intitola One Strike. Sviluppato da QubicGames, il titolo è ambientato è un piccolo omaggio al grande classico Bushido Blade, nel quale un singolo fendente messo a segno può decretare la vittoria di uno dei due combattimenti. Il gameplay si basa unicamente sulla necessità di alternare i tasti A e B, mentre i movimenti sono relegati ad azioni binarie, ovvero destra e sinistra, e senza la possibilità di saltare. Nella sua essenzialità, caratterizzata da tre soli livelli di difficoltà per l’IA, questo piccolo indie riesce a galvanizzare l’attenzione del giocatore grazie alla rapidità delle partite, la cui durata può aggirarsi tra i pochi secondi, fino al raggiungimento dei due minuti (un vero record). Si tratta inoltre di un titolo caldamente consigliato da giocare in compagnia di un amico, così da rendere ancora più divertenti gli scontri. Una risata tira l’altra, così come una partita di pochi secondi potrebbe tenervi impegnati per  qualche ora sul gioco.

Prezzo: 4,99 Euro.

Bud Spencer & Terence Hill: Slaps and Bean

Non potevamo non dedicare anche al duo cinematografico italiano più apprezzato degli anni ’70/80 uno spazio in questa rubrica, Arrivato solo da qualche settimana sull’eShop della console ibrida, Bud Spencer & Terence Hill: Slaps and Bean è un piccolo gioiello tutto italiano sviluppato da Trinity Team che riporta in auge le avventure di Bud e Terence, con l’obiettivo di renderle due figure eterne nell’immaginario collettivo. E per quanto ci riguarda lo sviluppatore italiano tiene fede alle sue promesse, calando questi due immortali personaggi del panorama cinematografico italiano in contesti variegati che rispecchiano le loro stesse pellicole a cui hanno preso parte. Abbiamo quindi uno scenario ispirato ai vecchi spaghetti western, ma non manca all’appello anche Miami. Il gameplay invece si rifà proprio al loro grande periodo di attività al cinema, ripescando il genere dei picchiaduro a scorrimento orizzontali, piuttosto tipici dei cabinati arcade degli anni ’80. Le dinamiche dei combattimenti cercano di tenere viva l’anima che caratterizzava le pellicole con protagonisti Bud e Terence, con una buona realizzazione degli sprite bidimensionali. Inoltre Trinity Team ha provato ad aggiungere ulteriore pepe alla produzione con minigiochi avulsi dal contesto dei picchiaduro, come le gare di dune buggy.

Prezzo: 20,00 Euro.

Pocket Rumble

Sulla falsariga di One Strike, anche Pocket Rumble si pone come la via più essenziale del genere, ma con una piccola e importante differenza: che non bisogna assolutamente sottovalutarne il prezzo e quel suo stile estetico molto minimal. Il titolo di Chucklefish non è un clone di Street Fighter realizzato solo con una buona pixel art, ma è proprio un picchiaduro con tutti i crismi che cerca di bilanciare con dovizia complessità e accessibilità, così da non demoralizzare i neofiti del genere. Il sistema di controllo si riduce unicamente a due tasti, tutto sta proprio nella gestione di queste combo, piuttosto semplice, e la precisione con cui si sincronizzano le combo. Ogni lottatore è stato minuziosamente creato per essere unico: ognuno ha un proprio pattern di movimento, così come le tecniche speciali sono uniche per ciascuno. Inoltre contenutisticamente parlando i contenuti single player e multiplayer (offline e online) si sposano molto bene con il prezzo proposto dal publisher. Probabilmente uno dei titoli della ludoteca digitale di Switch con il miglior rapporto qualità/prezzo.

Prezzo: 9,99 Euro

Gekido Kintaro’s Revenge

Ricordate il vecchio Gekido Advance: Kintaro’s Revenge per Game Boy Advance sviluppato dal team indipendente italiano NAPS Team? Ecco, nel corso del 2018 il titolo ha fatto il suo ritorno anche su Nintendo Switch con un porting rifinito a dovere per rendere ancora più vivace l’esperienza da picchiaduro a scorrimento proposta nella prima iterazione. Quello che a suo tempo venne considerato uno dei titoli tecnicamente migliori di sempre per la piccola console di Nintendo, sulla nuova ammiraglia della casa di Kyoto risulta sicuramente un po’ vecchiotto, ma il team ha cercato di rinnovarlo nel migliori dei modi grazie al riadattamento sul motore grafico Unity. Ciò che rendeva divertente Kintaro’s Revenge, era proprio il suo concetto di unire l’avventura a scorrimento con quella del picchiaduro, aggiungendo all’occorrenza anche dei piccoli enigmi per  l’avanzamento. Non è quindi un beat’em proprio classico, ma una curiosa variante di esso nel quale oltre ai cazzotti, bisogna tenere in considerazione anche l’avanzamento nei vari livelli. Oltre alla classica Storia, questa versione comprende anche due modalità di gioco aggiuntive, di cui una che tenta di rendere Gekido un Final Fight a tutti gli effetti, estrapolando il gameplay dal suo classico contesto narrativo.

Prezzo: 14,99 Euro



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.