Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Crash Bandicoot 4 – Nostalgia next gen

Annunci

Crash Bandicoot 4 arriva su PlayStation 5 e Xbox Series X con un comparto tecnico rinnovato. Ecco la nostra recensione!

  • Nome completo: Crash Bandicoot 4: It’s About Time
  • Piattaforme: PlayStation 4, Xbox One, Xbox Series X, PC, Switch, PS5
  • Publisher: Activision
  • Developer: Toys fot Bob
  • Distribuzione: Digital, retail
  • Data d’uscita: 12 marzo 2021
  • Genere: Platform
  • Versione testata: Xbox Series X

Dopo averci deliziato lo scorso anno, sorprendendo i fan vecchi e nuovi con l’ottimo Crash Bandicoot 4: It’s About Time, Activision e Toys for Bob portano la nuova incarnazione del marsupiale più amato dei videogiochi anche sulle console di nuova generazione, PlayStation 5 e Xbox Series X|S.

Al gioco originale abbiamo dedicato una corposa recensione che trovate già sulle nostre pagine, quindi in questo speciale/recensione ci dedicheremo proprio alla versione di nuova generazione del platform, arrivata sul mercato qualche settimana fa. Nello specifico il publisher ci ha fornito un codice per Xbox Series X che ci ha permesso di saggiare tutte le diverse migliorie apportate a codice originale per sfruttare al meglio i nuovi hardware.

Upgrade next gen

Su Xbox Series X anche Crash Bandicoot 4 si avvale della funzione di Smart Delivery, che permette di aggiornare la versione Xbox One del gioco a quella di nuova generazione, senza costi aggiuntivi per chi già disponeva del titolo in versione digitale o su disco. Similmente anche su PlayStation 5 accade qualcosa di simile, permettendo agli utenti di proseguire l’avventura sulle console di nuova generazione,  senza sacrificare i loro progressi accumulati sugli hardware precedenti.

Abbiamo già sperticato lodi nei confronti degli Upgrade con quanto applicati con questo criterio, dato che garantiscono una continuità impareggiabile rispetto alle precedenti generazioni di console, con il pregio di essere spesso anche dei semplici aggiornamenti gratuiti.

Crash Bandicoot 4 era già un titolo molto bello da vedere, non solo da giocare, sulle vecchie console, ma grazie all’upgrade di nuova generazione abbiamo un sostanzioso miglioramento che non va ad intaccare solo la risoluzione e il framerate (adesso 4K e 60 fotogrammi al secondo), ma coinvolge anche altri aspetti grafici come le ombre, la qualità delle texture e i caricamenti ridotti praticamente all’osso.

I 60 fotogrammi al secondo sono inevitabilmente l’aspetto più importante di questo aggiornamento next gen, dato che in videogiochi di questo genere la fluidità non è importante, è proprio essenziale ai fini dell’esperienza. Con il doppio dei fotogrammi adesso abbiamo un sistema di controllo ancora più preciso e nonostante le morti siano sempre abbastanza incalcolabili, il platforming tridimensionale guadagna ancora più spessore rispetto al passato.

E proprio parlando di morti, uno dei grandi pregi è l’ottimo sfruttamento dei tempi ridotti dell’SSD, che tra una morte e l’altra vedono l’assenza di un qualsiasi tipo di caricamento andando a beneficio del giocatore che non dovrà più patire i tempi di attesa: tutto adesso è immediato, fluido, reattivo e ancora più bello da vedere grazie all’incremento di una risoluzione che aggiunge ulteriore profondità. Da non sottovalutare anche la presenza dell’immancabile apporto dell’HDR, il quale rende i colori ancora più brillanti e l’immagine più nitida.

Come già scritto nella nostra vecchia recensione, Crash Bandicoot 4: It’s About Time è (quasi) tutto ciò che speravamo un nuovo capitolo canon della saga fosse. Dichiaratamente ostico da padroneggiare e votato ad un’alta rigiocabilità dei numerosi livelli, il titolo sviluppato da Toys for Bob è un platform coloratissimo e sfidante, pieno zeppo di cristalli, gemme e maschere da recuperare nelle diverse modalità di gioco. Certo non tutti i livelli sono ispiratissimi e ci si poteva aspettare qualche cosa di più per quanto riguarda le boss fight, ma per il resto ci siamo: quel che resta a fine esperienza è il ricordo di un’avventura calda e scanzonata, costruita su comprimari mai così protagonisti e accompagnata da un comparto tecnico degno di nota. Assolutamente da provare!

Commento finale

Il salto generazionale di Crash Bandicoot 4 eccelle tantissimo dal punto di vista tecnico e centra tutti gli obiettivi che si era prefissata questa nuova release, con il pregio di essere anche gratuita per i possessori della copia per old gen. Grazie al 4K e i 60 fotogrammi al secondo granitici, questa quarta avventura canonica dedicata al marsupiale eleva ulteriormente un prodotto che già di base era bello da vedere e giocare. Tutto ovviamente anche all’insegna di una giocabilità sensibilmente migliorata, tra tempi di caricamenti ridotti all’osso e il raddoppio dei fotogrammi.

VOTO 8.5

Pro

  • Il 4K aggiunge ulteriori dettagli visivi, rendendo l’immagine più chiara e pulita all’occhio del giocatore
  • SSD e 60 fps fanno la differenza a livello di giocabilità, dando un sapore decisamente diverso all’esperienza generale della produzione
  • Resta un ottimo platform tridimensionale, ora ancora più divertente
  • L’aggiornamento è gratis

Contro

  • Non ci sono altre novità al di fuori del comparto tecnico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.