Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Resident Evil Village è il peggior debutto degli ultimi 19 anni per la serie in Giappone

Annunci

Il debutto di Resident Evil Village in Giappone è tra i peggiori della serie

Famitsu ha rilasciato i suoi consueti dati dell’ultima settimana di vendite del software retail in Giappone e pare proprio che nonostante gli ottimi numeri registrati, il debutto di Resident Evil Village su PlayStation 4 e PlayStation 5 è stato il peggiore degli ultimi 19 anni per il franchise, nello specifico dai tempi di Resident Evil 4.

Village ha aperto con 149,884 copie, circa la metà in meno rispetto ai numeri totalizzati da Resident Evil 7 durante la prima settimana di lancio nel 2017, pari a 231 mila copie. Secondo i dati storici riportati dal sempre apprezzato Game Data Library, ad oggi gli unici due capitoli col peggior debutto sono stati il primo Resident Evil su PlayStation nel 1996 con 148,904 copie, e Resident Evil 4 su GameCube con 145,533.

Negli ultimi due anni, i remake di Resident Evil 3 e Resident Evil 2 hanno rispettivamente totalizzato 189,490 e 265,324 copie. Ovviamente in questi numeri dobbiamo escludere le vendite digitali, che come testimoniano le analisi degli ultimi mesi, tra il 2020 e il 2021 c’è stata una notevole crescita nel software digitale. 

Da ricordare inoltre che attualmente diverse regioni del Giappone sono ancora in pieno stato di emergenza a causa della pandemia, effetto che potrebbe effettivamente spingere molti giocatori ad acquistare una copia digitale. In ogni caso, al netto di questo inaspettato risultato sul mercato giapponese, oltreoceano Resident Evil Village è stato un grande lancio, con più di 3 milioni di copie raggiunte in meno di 4 giorni, pareggiando i risultati raggiunti dal remake di Resident Evil 2.

Tra gli altri potenziali fattori che potrebbero aver influenzato questo calo nelle vendite potrebbe esserci anche il tema di questo nuovo capitolo della serie, che affonda le radici nella cultura horror europea.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.