[Speciale] Pillole Indie #17: Lost Alone Ep1: Sorellina

Lost Alone Ep.1: Sorellina
Annunci

Lost Alone Ep1: Sorellina

Può una singola persona riuscire a creare un gioco da zero? Il nostro youtuber di fiducia, Daniele Doesn’t Matter, ha risposto alla nostra domanda con il gioco “Lost Alone Ep1: Sorellina“. Questo è il primo titolo di una probabile saga e abbiamo avuto la possibilità di giocare a questo indie in uscita anticipata.

Il gioco è un horror in prima persona, dove all’inizio delle vicende il nostro personaggio si troverà in un lungo corridoio. Alle nostre spalle ci sarà solo una parete che bloccherà il passaggio costringendoci a proseguire in un’unica direzione. Qui leggeremo i vari crediti di gioco: un nome certamente riconoscibile è quello di Daniele Salvitella, in alias Daniele Dosesn’t Matter, seguito dalla cantautrice  Martina Di Nardo. L’OSR di quest’ultima, Millemila Trip, ci accompagnerà attraverso il lungo corridoio, mentre il resto del comparto sonoro sarà gestito dal musichiere Giulio Caproni. Dopo aver superato quadri e oggetti, ci avvicineremo alla porta che ci condurrà al cuore del gioco.


Ci teniamo innanzitutto a specificare che il gioco è una one shot: durerà circa due ore e non ci saranno punti di salvataggio. Tuttavia è un ottimo titolo se si vuole passare una serata con amici o se si vuole provare qualcosa di particolare.

Interpreteremo i panni di George, alcolista in fase di recupero, e dovremo prenderci cura della sorellina della nostra fidanzata, Laura, bambina molto malata ha bisogno di prendere alcune medicine una volta al giorno alle ore 23:00. La nostra fidanzata, Hanna, e l’altro fratello, Danny, sono entrambi partiti per motivi di lavoro non meglio specificati. I  genitori dei personaggi protagonisti sono deceduti per via di un incidente e non ci verrà detto fin da subito il motivo della loro scomparsa: Laura non ne ha mai parlato a causa del trauma subito; lo scopriremo solo superando i vari spazi di gioco, conoscendo “questo elefante nella stanza”.

Decisamente una trama semplice ma assente da buchi, poiché verrà spiegato tutto col tempo. Anche la psicologia dei personaggi non è da meno in quanto sono tutti ben curati nei minimi dettagli e piuttosto verosimili.
Alcuni tratti della trama principale ci verranno spiegati con delle vignette, meticolose e ben disegnate; altri invece verranno spiegati con delle pagine di diario lasciate da Hanna in giro per la casa. 

Tutto ha appunto inizio nella vecchia abitazione di Hanna, dove adesso risiedono soltanto Danny e Laura. Entrando in una delle stanze, però, ci renderemo immediatamente conto che vi è qualcosa di strano e sinistro, in quanto sembrerebbe a tutti gli effetti abbandonata nonostante il resto della casa. Proseguendo nel gioco ci verrà chiesto di trovare alcuni oggetti che ci daranno la possibilità di aprire poi le varie altre stanze. Subito ci salterà all’occhio la foto di Danny, il cui personaggio non è nient’altro che un alter ego di Daniele Salvitella.

Continuando con il walktrough troveremo altre foto che riprendono personaggi conosciuti di YouTube Italia, come Redez e Sinergo di QDSS, che verranno rappresentati come gli zii dei tre fratelli.

La casa è molto ampia, dunque l’esplorazione sarà più che soddisfacente nonostante la brevità del titolo. In quasi ognuna di esse c’è una missione secondaria da portare a termine: dovremo trovare vari oggetti e rimetterli al proprio posto, alcuni molto più evidenti e semplici da trovare di altri. Se non si completano queste missioni non si potrà continuare nell’esplorazione della casa, dunque saremo impossibilitati a concludere la nostra piccola avventura.


Avremo a disposizione un inventario: inizialmente potrà contenere solo 10 oggetti, ma ci verrà data la possibilità di ampliarlo con uno zaino che troveremo svolgendo un obiettivo secondario del gioco. Successivamente, superando la prima parte del titolo, troveremo una lampada ad olio, che dovremo riempire ogni volta che il liquido al suo interno sarà terminato. Una cosa interessante, che però pochi autori di questa tipologia di titoli hanno realizzato, è la riduzione della luce emessa in base alla quantità di olio al suo interno, nota decisamente a favore che spiega senza troppi fronzoli quanto lavoro è stato svolto nel dietro le quinte. Per ricaricare la lampada troveremo delle fialette d’olio piuttosto frequenti, pertanto resteremo difficilmente senza carburante.

Altri oggetti consumabili presenti in modeste quantità saranno delle bevande energetiche che serviranno a recuperare la stamina, utile solo per avere un passo più svelto e percorrere gli svariati corridoi celermente.

Un classico che si può trovare anche in altri giochi horror sono i jumpscare. Quante volte, però, riuscirete ad anticipare il loro arrivo in Lost Alone Ep1? Nonostante gli appassionati del genere partano dal presupposto di trovarne, in questo titolo è davvero complesso prevedere quando e come appariranno sul nostro schermo. Infatti sono tutti ben strutturati e non sono mai messi a caso.

Ci saranno tanti easter egg, presi anche da altri titoli. Uno di questi è la possibilità di trovare almeno 35 copie del libro ufficiale di Daniele Salvitella, ovvero “E Buonanotte… storia del ragazzo senza sonno”: esse ci permetteranno di aprire una stanza segreta e di sboccare l’ampliamento del nostro inventario.

C’è una cosa parecchio importante di cui tener conto. Sono presenti alcuni problemi da risolvere, forse dovuti a sviste nei test di gioco, come la quantità di tempo che viene richiesta per avviare il titolo dopo aver percorso il corridoio iniziale. Nonostante ciò, bisogna dire che dietro a questo indie c’è un grande lavoro poiché ad ogni segnalazione i vari problemi precedenti alla data odierna sono stati tempestivamente risolti.

La localizzazione è divisa in due lingue, l’inglese e l’italiano.

L’uscita ufficiale del gioco è stata fissata l’8 dicembre 2021; potrete dunque acquistarlo su Steam al prezzo molto contenuto di 4.99€.

In Sintesi

Lost Alone Ep1: Sorellina è un gioco creato e sviluppato da una singola persona che, con impegno e dedizione, ha creato un titolo che ci stupirà con la sua trama e i vari jumpscare. Consigliato per chi vuole allargare la sua libreria e giocare un gioco horror decisamente onesto.

Voto: 7.5

 Pro:

  • Storia avvincente
  • Gameplay molto semplice
  • Jumpscare funzionali 
  • Personaggi ben strutturati
  • Ottimo rapporto qualità prezzo 

✘ Contro:

  • Riscontrati alcuni problemi
  • Velocità del caricamento iniziale lenta
  • Scarsa rigiocabilità

Ti è piaciuto il nostro articolo? Dà un’occhiata alla nostra rubrica Pillole Indie! Leggi anche:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.