Remothered: Tormented Fathers – orrori e tormenti

Annunci

Tra orrori e tormenti. Ecco il nostro speciale su Remothered: Tormented Fathers, survival horror italiano di Stormind Games

  • Nome completo: Remothered: Tormented Fathers
  • Piattaforme: PC, PlayStation 4, Xbox One, Microsoft Windows, Nintendo Switch
  • Developers: Stormind Games, Darril Arts
  • Distribuzione: Digital/Retail
  • Data di uscita: 30 gennaio 2018 (digitale), 25 luglio 2018 (retail)
  • Genere: Survival Horror
  • Versione testata: Playstation 4

Opera nata dalla collaborazione tra i due studi italiani Darril Arts e Stormind Games. Il grande lavoro di cui andremo a parlare, a nostro parere, porta la scena videoludica italiana a fare un notevole passo in avanti, proponendo un prodotto intrinseco di contenutistica artistica e narrativa, ed un esperienza di gameplay che sta via via scemando ed uscendo di scena lasciando posto a nuovi metodi di fruizione: questo è il survival horror in terza persona che oramai sta lentamente lasciando le redini a nuovi tipi di survival horror, come quelli più frenetici ed in prima persona, un paio di esempi: Resident Evil VII o Alien Isolation.

Invece in Remothered facciamo un vero e proprio tuffo in quei tempi in cui il genere survival echeggiava ed omaggiava (come detto alle nostre telecamere dallo stesso Chris Darril art director di Remothered, durante la nostra presenza a casa Microsoft per l’evento ID@Xbox) i grandi classici come Clock Tower, Rule of Rose ed ancora Silent Hill 2 o Alone in the Dark.

Dietro il prodotto quindi abbiamo, prima di tutto, giocatori ed una immensa cultura ludica in determinati frangenti, possiamo quindi asserire che Remothered è un prodotto sul quale Chris Darril di Darril Arts e Stormind Games hanno puntato, perché per primi appassionati loro stessi. In Remothered si ha la voglia di ritornare indietro per costruire qualcosa che si proietti nel futuro dell’industria videoludica nostrana, trasudando cultura e passione da tutti i pori, rimanendo estremamente autentico ed originale, ma soprattutto con una spiccata identità.

Stabilità ad un compromesso

 

Parlando di quello che è possibile fare con un budget limitato, Remothered ha tanto da dire in proposito. Come ci ha confidato anche Darril, la passione che li ha portati a sviluppare questo progetto è anche stata la vera fonte di qualità dell’opera. Il titolo presenta una qualità grafica modesta pur avendo un buon effetto d’impatto, ma è evidente che sarebbe possibile migliorarlo con i dovuti mezzi. Tuttavia, quello stile ha il suo contesto: nell’ambientazione tremendamente cupa ed angosciosa, avere quel tipo di texture talvolta appositamente desaturate contestualizza bene villa Felton, e nelle fasi più concitate è comunque apprezzabile il buon lavoro degli sviluppatori. Bisogna considerare inoltre il fatto che il framerate è incredibilmente stabile, e proprio quando ce n’è bisogno contribuisce a non far perdere al giocatore il vero cuore dell’opera: il micidiale senso di ansia.

Orchestrare l’orrore

Il grande mix che permette a Remothered di essere un vero passo avanti del bell’horror è generato dall’oscura perdizione che permea l’atmosfera. Se dal lato visivo abbiamo un risultato piacevole ma tecnicamente non perfetto, è la colonna sonora a completare degnamente il grottesco quadro. Le tracce audio presenti sono un accompagnamento di livello che permette al titolo di esprimersi al meglio, girando e rigirando il coltello proprio nella dolorosa piaga mentale che crea passo dopo passo. Ogni nota sembra essere al posto giusto per poter inquietare ed al contempo immergere il fruitore, ed è possibile che avere anche una compositrice del calibro di Nobuko Toda abbia certamente avuto il suo merito.  A condire il tutto, gli effetti sonori e, principalmente, lo stupendo sistema di individuazione dei nemici mediante i loro suoni unici sono il tocco d’arte giusto che rende il gameplay una vera chicca.

Poche incertezze, solide basi

Pur dovendo parlare di una splendida riuscita, è giusto spendere un paio di parole anche su ciò che è migliorabile. Di fatto, il sopra citato metodo per capire la locazione degli stalker potrebbe essere implementato à la The Last of Us, considerando quindi di aggiungere una maggior precisione acustica sull’origine del rumore. Anche la grafica, ovviamente, gioverebbe di un upgrade, ma questi tasselli sono qualcosa che manca ma non si esige, dato che Remothered: Tormented Father è un titolo di ottimo livello così com’è, ed avere la certezza di avere davanti altri due capitoli è qualcosa in cui confidiamo molto. Senza dubbio, è giusto dare a Darril Arts e a Stormind Games il merito di aver portato un elevatissimo prodotto coi mezzi a loro disponibili, riportando sulle console casalinghe un horror degno di questo nome.

Considerazione finale

Remothered: Tormented Fathers si mostra con un comparto tecnico davvero ben riuscito in rapporto al potenziale disponibile. Darril Arts e Stormind Games riescono a sintetizzare efficientemente la magia cupa e delirante del buon cinema horror alla componente ludica, creando un buon compromesso tra le due arti. Senza dubbio migliorabile, questa trilogia ha delle aspettative grandissime dal nostro lato, e non possiamo che ringraziare ulteriormente Chris Darril in seguito alla nostra intervista per averci mostrato il suo splendido lavoro.

Introduzione di Lorenzo Longo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.